Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Treviso vuole essere una provincia per giovani: pronti 200 tirocini e percorsi formativi

Duecento proposte di tirocinio professionalizzante per i giovani, e per altri cento la possibilità di una certificazione linguistica per inglese e tedesco. Sono tutte attività gratuite e con borsa di studio, organizzate da Unindustria Servizi e Formazione Treviso Pordenone con il contributo della Regione Veneto nell’ambito del progetto Garanzia Giovani.

manimm

“Le cronache e le statistiche restituiscono l’immagine di un’Italia che non riesce ad offrire un futuro di vita e di lavoro per i suoi giovani – dice Maria Cristina Piovesana, presidente di Unindustria Treviso – Immagine che ha trovato rappresentazione anche cinematografica in un recente film dal titolo emblematico “l’Italia non è un paese per giovani”. Una visione che sta generando molteplici effetti negativi: pessimismo nelle famiglie, stasi nei consumi e negli investimenti, emigrazione dei nostri giovani, calo demografico e invecchiamento della popolazione attiva. Succede anche in questo territorio, che pure ha una situazione economica migliore rispetto ad altre aree del Paese”.

piovesana
Unindustria Treviso ritiene che “non ci si possa rassegnare a questa rappresentazione, vera o falsa che sia. Vorremmo riuscire a dimostrare nei fatti che Treviso è una provincia per giovani. Che qui i giovani possono trovare un’opportunità di lavoro, costruire una famiglia, senza dover andare altrove. E far capire che le nostre imprese possono essere anche lo strumento per conoscere il mondo senza bisogno di emigrare all’estero. In questi mesi, come associazione, abbiamo lavorato intensamente ad un progetto che dia una risposta ad ampio raggio a questo problema.  Questa progettualità oggi è pronta per essere lanciata e richiederà la partecipazione attiva di tutte le componenti responsabili della nostra società: imprese, famiglia, istituzioni, sindacati e, in primis, gli stessi giovani”.

Un primo passo sarà il lancio nei prossimi giorni di una ricerca volta ad inserire 200 giovani in azienda attraverso tirocini personalizzati. Due le modalità in cui si articola l’offerta: tirocini con borsa di studio e percorsi formativi completamente gratuiti.

  • La prima prevede un tirocinio individuale (della durata di tre mesi, prolungabile di ulteriori tre mesi) direttamente in azienda, per 150 giovani under 30 su una molteplicità di profili definiti in base alle richieste di inserimento che arrivano dalle stesse imprese del territorio.
  • Altri 50 giovani potranno formarsi e conoscere il mondo del lavoro attraverso tre percorsi che prevedono un periodo di formazione e un successivo tirocinio in azienda e dedicati ai seguenti temi: Progettazione 3D e prototipazione, web marketing e social communication, segreteria amministrativa e contabilità.

Solleciteremo inoltre le aziende associate a privilegiare l’assunzione di giovani- sottolinea Piovesana – e a promuovere gli strumenti normativi che possono favorire la rimozione del “tappo generazionale” determinato dalle riforme pensionistiche che in questi anni si sono succedute. Rilanceremo poi l’iniziativa, già in corso, di avvicinamento dei giovani al lavoro e alle aziende del territorio già dal periodo scolastico attraverso i programmi di alternanza scuola/lavoro; fino alla promozione di tirocini di mestiere che coinvolgano anche i lavoratori già occupati in un generoso slancio intergenerazionale. Ho ben chiaro che le imprese di questo territorio hanno bisogno di giovani, dei ‘nostri’ giovani innanzitutto, e spesso non li incontrano, perdendo opportunità. Così come i nostri giovani spesso fanno fatica a guardare alle aziende e alle prospettive di lavoro e crescita umana e professionale che possono offrire. Anch’essi rinunciando a cogliere importanti occasioni. Dobbiamo quindi assumerci tutti la responsabilità e l’impegno di superare questa impasse. Come imprenditrice e anche come madre, oltre che come presidente di Unindustria Treviso, mi rivolgo alle famiglie e ai giovani per dire che devono credere a questa possibilità, provarci, accantonare gli alibi e investire sul loro futuro, cogliendo le grandi opportunità che il nostro territorio e le nostre imprese sono in grado di offrire. Noi, con le imprese di questo territorio, saremo loro vicini.

Unis&F segnala che vi sono ulteriori 100 posti per programmi di formazione linguistica che prevedono una certificazione internazionale nelle lingue inglese e tedesca.
Unis&F Treviso Pordenone nell’ultimo biennio ha coinvolto 491 giovani in attività di orientamento, formazione e tirocinio con un significativo risultato occupazionale: dei giovani avviati in tirocinio già il 30% ha firmato un contratto di lavoro.
Per informazioni e adesioni: www.unisef.it o 0422 916421 e areagiovani@unisef.it.

Sui social:

Facebook

Twitter

Linkedin

Youtube

Instagram