Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La startup della pizza su misura (senza far impazzire il pizzaiolo) cerca imprese della ristorazione per testare il software

Pizzerie, kebab, paninoteche, ristoranti: sono i candidati ideali per testare TapFood, il software messo a punto dai quattro fondatori di LynkTeam, startup nata tra l’università e la voglia di fare impresa (la laurea è vicina ma l’azienda è nata prima) appena insediata all’interno di Friuli Innovazione.
Nel team ci sono due (futuri) ingegneri gestionali, Mauro Germani e Gian Carlo Cesarin, un futuro ingegnere informatico Andrea Gobetti e un web designer, Piero Ometto. Provenienze diverse (Trieste, Casarsa (PN), Torino e Padova), in comune la voglia di fare innovazione.

</span></figure></a> Il team
Il team

L’obiettivo in comune è «aiutare le piccole e medie imprese a creare valore aggiunto, in un mondo nel quale solo chi ha dimensioni maggiori non solo ha maggiori capacità di investimento, ma ha anche maggiori opportunità di avvalersi di tecnologie che consentono ritorni maggiori». Cammin facendo l’attenzione si è concentrata sul settore della ristorazione, dove le micro realtà abbondano.

tapfoodTapFood nasce rendendo completamente libero l’ordine al tavolo. Avete presente quelli che non ordinano mai una pizza già presente sul listino, ma la smontano togliendo e aggiungendo ingredienti? In questo modo la scelta può partire proprio dagli ingredienti preferiti: ci pensa il software a tradurre l’ordine in un linguaggio noto al pizzaiolo (ad esempio: margherita più questo e quello).

Ma è l’intera gestione a essere controllata: che si tratti del bancone di una pizzeria al taglio o dei tavoli di un locale, TapFood li coordina arrivando a gestire gli approvvigionamenti. In questo modo si crea una rete dei fornitori – farina, cartoni per asporto – con vantaggi e sconti incrociati.

I primi locali, una trentina, saranno a breve collegati, dopo la fase di beta testing: altri possono candidarsi a fare da tester (scrivendo una mail a info@tap-food.com). Fra le collaborazioni avviate, anche quella con un’azienda del territorio specializzata in casse e sistemi di pagamento e gestione, la GTN di Udine, ma anche con Molino Moras, PAYMILL e Arca BoxPizza.

DSC_3488E dopodomani, mercoledì, la startup friulana si presenterà ai finanziatori di Custodi di successo, associazione nata da un gruppo di amici inseriti professionalmente in diversi contesti dell’economia nazionale ed internazionale con l’obiettivo di stimolare la ricerca e lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali mettendo a disposizione le proprie competenze e partecipando in alcuni casi al capitale di rischio.

  • Stella |

    Complimenti ragazzi e un grande in bocca al lupo!

  Post Precedente
Post Successivo