Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

In due giorni, il peggio e il meglio che può capitare parlando di imprese

Giove 13 luglio, via della Chimica, Porto Marghera. Il giovane tassista non riconosce il nome Vinyls, anzi, ex Vinyls, e cerca su google maps. Dispositivi di sicurezza per tutti, ma nessuno li indossa: qui è tutto fermo da anni. Clima cupo nonostante la tavola apparecchiata, salatini e dolcetti, fra le consolle datate e le foto di come era l’impianto veneziano del Pvc. Davide è uno dei pochi che lavorava qui ad assistere: fa parte della manciata di dipendenti che ancora supportano le imprese che si occupano di smantellare quel che resta: “Una brutta giornata, qui avevamo un  mercato, rispettavamo le regole, e oggi il Pcv lo importiamo”.

vin6

Poi un’ora di ritardo sul programma, e quando alle 19,30 esplode il botto la torre CV 22 resta al suo posto, immobile anche dopo che il fumo si è disperso. “E le torce sono ancora lì, dure a morire come gli operai”, scrive su Twitter Nicoletta Zago, entrata appena finita la scuola come perito chimico in azienda quando un posto a Marghera era una garanzia per il futuro, una sicurezza. “Marghera dura a morire, neanche con la dinamite. Disponibile a rinascere”, twitta Gianfranco Bettin, ex prosindaco, grande conoscitore del Petrolchimico e di tutte le sue tormentate vicende.

vin4
La resistenza della torre CV22 era comunque destinata a finire: indebolita anche se non tanto da crollare da sola, è caduta domenica pomeriggio quando i militari del Terzo reggimento Genio Guastatori di Udine hanno usato l’esplosivo al plastico.

Ma ha comunque dato un messaggio a chi lo ha voluto vedere, e ha ritardato il collasso della seconda torcia, CV24, quella simbolo delle manifestazioni degli operai, saliti una prima volta a novembre 2009, nel freddo e con il vuoto (è un traliccio di metallo), “quasi a prefigurare il vuoto lavorativo che ci aspettava”, dice ancora Nicoletta. Erano in 250. Tutti altamente specializzati, pure troppo per ritrovare lavoro in un settore in cui mancano le alternative.

vin2
Oggi qualcuno ha raggiunto la pensione, qualcuno ha trovato altro, uno insegna chimica a scuola “anche se non è il mio mestiere”. Qualcuno lavora nel sindacato, accompagna altre persone nelle vertenze e nelle crisi che ha vissuto sulla propria pelle.

vinyls6

La mattina dopo, venerdì 14 luglio, Torviscosa, Udine. Una città di fondazione, cioè una di quelle “nuove” nate in Italia negli anni Trenta nel Novecento nei territori di bonifica, caratterizzate da architetture di regime. Una città  fabbrica, anche, perchè legata a doppio filo a una azienda italiana, la Snia Viscosa che le ha pure dato parte del nome, impegnata nella produzione di fibre tessili artificiali ricavate dalla cellulosa in questa parte di pianura friulana dove l’esperimento consisteva nel lavorare su larga scala canna comune da cui ricavare la materia prima da lavorare nello stabilimento industriale.

tor
Tutto un altro clima: festoso, anche commosso; si spezza la voce ad Angelo Colombo, presidente di Halo industry, società modello di collaborazione fra pubblico e privato creata da Caffaro Industrie, la finanziaria regionale Friulia e Bracco Spin. Anche questo era un polo chimico di primo piano, e fino a pochi anni fa pareva senza prospettive. Ora c’è un investimento da 50 milioni, 22 assunzioni in gran parte di giovani.

tor2

Il nuovo impianto del cloro soda utilizza un processo a membrane, il più ecologico: solo acqua distillata, sale ed energia elettrica. In un anno produrrà  24mila tonnellate di cloro, oltre 26mila di soda caustica oltre a idrogeno. E a proposito di energia: la rete interna della centrale Edison consentirà di avere costi inferiori del 25-30% rispetto a quelli di altri insediamenti industriali. Un modo per rendere Torviscosa davvero attrattiva e competitiva.

tor3
Anche la voce di Marco Cappelletto, l’avvocato veneziano che ha guidato una delle poche amministrazioni straordinarie che hanno avuto successo (e nel suo carnet c’è anche Pansac), dimostra il valore di questa giornata: “Ho dedicato una parte della mia vita a questo risultato. Sempre puntando il timone alla tutela delle famiglie, per far riappropriare del proprio futuro chi lavorava dentro e fuori il sito in insolvenza. Il frutto di questo sforzo lo raccogliamo in un perimetro di grande capacità  di chi ha collaborato e di assoluta legalità”. Se vi pare poco.

tor8