Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Architettura e ambiente, energia pulita, larice, rame e abete rosso: inaugurato il nuovo rifugio al Sasso Nero a quota 3.030

Il nuovo rifugio al Sasso Nero in Valle Aurina è situato alla forcella di Riotorbo, a un’altitudine di circa 3.030 metri, vicino alla frontiera con l’Austria: un corpo isolato che segue il pendio in discesa in un piccolo avvallamento del terreno. L’edificio di sei piani, costruito nell’arco di 8 mesi, sotto la guida della Ripartizione infrastrutture e servizi tecnici dell’Alto Adige, si sviluppa verticalmente in una punta affusolata “la cui forza iconica guida gli alpinisti da ogni direzione”.

sasso7

“Anche grazie alla sua struttura molto particolare il nuovo rifugio ha conservato il suo carattere ed ora offre protezione e ristoro agli appassionati della montagna. Vorrei inoltre esprimere il mio ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito, in condizioni particolarmente difficili, alla realizzazione di quest’opera che è un vero e proprio esempio tangibile dell’ospitalità della nostra terra” ha affermato il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, nel corso della cerimonia d’inaugurazione, che si è svolta il 28 luglio.

sasso3
La struttura è parte integrante del complesso programma d’investimenti della Provincia per il risanamento dei rifugi alpini. Entro il 2021, grazie ad un investimento complessivo di dieci milioni di euro saranno portati a termine tutti i lavori urgenti previsti per i rifugi di proprietà dell’ente pubblico. Il nuovo rifugio al Sasso Nero, con una volumetria di 2070 mc, è già aperto al pubblico dallo scorso mese di giugno.

sasso19

Il nuovo rifugio, definito recentemente dall’assessore all’edilizia e patrimonio, Christian Tommasini “un esempio riuscito di connubio tra architettura di pregio e rispetto per l’ambiente alpino”, è stato costruito in soli otto mesi nello standard CasaClima per un importo di 2,97 milioni di euro. Nell’interrato si trova uno spazio per asciugare vestiti ed attrezzature, i servizi sanitari e locali accessori come depositi, officina e locali tecnici. Ai piani superiori sono collocate le stanze rivolte in ogni direzione a 360° nelle quali possono essere ospitate 50 persone. Nel sottotetto sono disposti gli alloggiamenti per il gestore ed il personale.

sasso12
Il bivacco invernale con 12 cuccette è integrato al primo piano dell’edificio ed è raggiungibile anche dall´esterno attraverso una scala. L’intera struttura è realizzata in pannelli prefabbricati con tavole incrociate di abete rosso e gli interni sono eseguiti in larice non trattato. Anche i mobili per la Stube, il bancone, l’ingresso, i dormitori sono realizzati in legno naturale. La facciata esterna è rivestita in rame. L’intera superficie inclinata del tetto verso sud-ovest è coperta da pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica.

sasso13
Nel corso della cerimonia di inaugurazione il sindaco di S. Giovanni Valle Aurina, Helmuth Klammer, ha sottolineato l’importanza della nuova infrastruttura per il Comune e per il territorio nel suo complesso. Analoga soddisfazione è stata espressa dai progettisti Helmuth Stifter ed Angelika Bachmann. Presenti alla cerimonia anche il gestore Günther Knapp. Il parroco Christoph Wieser ed Erwin Knapp della Diocesi hanno benedetto la struttura.

sasso15

Il rifugio originariamente è stato costruito dalla sezione di Lipsia del Club Alpino Austro-Tedesco (DÖAV) ed inaugurato nel 1895. Dopo la prima guerra mondiale la struttura è stata espropriata dallo Stato italiano ed ha avuto anche un utilizzo militare. Il rifugio è stato quindi denominato “Vittorio Veneto al Sasso Nero” e dedicato alla sezione di Vittorio Veneto del CAI. A causa delle cattive condizioni la struttura è stata demolita nel 2016 e ricostruita un centinaio di metri al di sopra del sito precedente.

sasso10

Responsabili del progetto sono Andrea Sega, Hans Peter Santer e Wolfgang Obkircher e l’opera è stata realizzata dall’impresa edile Burgerbau GmbH.

Il rifugio è un punto di partenza ideale per la salita delle numerose cime limitrofe che superano i 3.000 metri e fa parte delle 26 analoghe strutture di proprietà della Provincia. Tra queste prossimamente saranno avviati i lavori di ristrutturazione per il rifugio Cima Libera (Müllerhütte), Biasi al Bicchiere (Becherhaus), Vedretta Pendente (Teplitzerhütte), Giogo Lungo (Lenkjöchlhütte), il rifugio Zisgmondy (Zisgmondyhütte), Vicenza Sassolungo (Langkoflhütte), Nino Corsi (Zufallhütte), Città di Milano (Schaubachhütte) e Plan (Zwickauerhütte). Le relative concessioni edilizie sono in fase di elaborazione e nel 2019 verrà stilata una lista delle priorità. La Ripartizione provinciale patrimonio nella manutenzione dei rifugi alpini si basa sulle priorità indicate da una commissione di cui fanno parte l’Alpenverein Südtirol AVS ed il Club Alpino Italiano.

sasso17

sasso18