Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Una click hour per guadagnarsi il tirocinio (retribuito): c’è posto per 200 giovani a Pordenone (e non solo) #questaestatelavoro

Occorre essere veloci e pronti davanti al pc, perché ci si gioca il posto in un’ora. Quest’anno, a Pordenone, i ragazzi coinvolti nella quinta edizione di “Lavori in corso” saranno almeno 200, suddivisi su due turni, dal 30 giugno al 18 luglio e dal 21 luglio all’8 agosto. Saranno impiegati in piccoli lavori di manutenzione, imbiancatura, pulizie esterne, manutenzione del verde, in istituti scolastici e altre aree di proprietà della Provincia tra Pordenone, Maniago, Spilimbergo, Sacile e San Vito al Tagliamento. Verranno retribuiti con voucher Inps, il compenso è di 650 euro lorde (487,50 euro netti).
questaestatePer aderire bisogna avere compiuto 16 anni ed essere regolarmente iscritti al 3° o 4° anno di un percorso di studi di scuola superiore, oltre che residenti nel territorio provinciale. Da quest’anno, il regolamento, esclude chi ha già partecipato alle precedenti edizioni, in modo da garantire il turn over visto che ogni anno le richieste di iscrizione sono altissime (2.464 nel quadriennio 2010-2013). Gli studenti con debiti formativi dovranno dichiarare di non essere obbligati a partecipare a corsi di studio nel periodo lavorativo.

questaestate2
Dopo le visite mediche di rito (a Pordenone, nella sede della Provincia) i ragazzi saranno impegnati in un percorso di formazione in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e poi avviati al lavoro, affiancati da “tutor socioeducativi” e “maestri di mestiere”. Lavoreranno per 3 settimane (dalle 8 alle 12, dal lunedì al venerdì per le prime due settimane, dalle 8 alle 13 l’ultima) per un totale di 65 ore. Il datore di lavoro/committente è la Provincia di Pordenone.
Per partecipare occorre prenotarsi on line collegandosi all’indirizzo www.lavoriincorso.provincia.pordenone.it dove si trova un form disponibile e compilabile esclusivamente dalle 17 alle 18 di venerdì 23 maggio 2014. Al termine della procedura il sistema produrrà il modulo di domanda precompilato, da stampare a cura dello studente, e da consegnare, esclusivamente a mano, presso uno dei Centri per l’Impiego o al protocollo della sede dell’ente Provincia, entro le 12 di venerdì 30 maggio. Il modulo cartaceo sottoscritto (se minorenne dal genitore indicato nel form) dovrà essere consegnato unitamente al proprio curriculum vitae e alla fotocopia di un documento di identità e del codice fiscale (se minorenne anche quelli del genitore). Ogni comunicazione sulla formazione delle graduatorie e orari delle visite sarà pubblicata nella sezione dedicata del sito della provincia.
www.lavoriincorso.provincia.pordenone.it

A BOLZANO – Duecento ragazzi altoatesini (che hanno fatto domanda a Bolzano), per la maggior parte studenti universitari e delle scuole superiori, svolgeranno quest’estate un periodo di tirocinio presso l’amministrazione provinciale. L’interesse è crescente: negli ultimi dieci anni si è passati da 70 a 200 tirocinanti ogni estate, e la Ripartizione personale ha ricevuto oltre 600 richieste.
Per un periodo di massimo tre mesi, dunque, nei mesi caldi gli uffici della Provincia di Bolzano vedranno 200 ragazzi toccare con mano il funzionamento quotidiano della macchina amministrativa altoatesina. Si tratta di studenti universitari, in maniera particolare di quelli con un percorso formativo a indirizzo giuridico, politico, sociale ed economico, ma anche di ragazzi delle scuole superiori. Oltre ad avere un primo fondamentale contatto con il mondo del lavoro, i giovani potranno anche guadagnare una piccola somma, compresa fra i 30 e i 50 euro lordi al giorno.
«Per il curriculum dei ragazzi – sottolinea l’assessore Waltraud Deeg – si tratta sicuramente di un valore aggiunto, ma i tirocini possono rappresentare un’opportunità di crescita per la stessa amministrazione provinciale, che può confrontarsi con idee e stimoli nuovi». Per quanto riguarda l’assegnazione dei posti viene data priorità a chi è in possesso del titolo di studio più elevato.

A TRENTO – Summerjobs 16-17 è il progetto delle Politiche giovanili del Comune di Trento che offre ai ragazzi di 16 e 17 anni l’opportunità di sperimentare un’esperienza retribuita di avvicinamento al lavoro e un’esperienza di impegno civico/di volontariato durante i mesi estivi.
24 enti e aziende hanno aderito proponendo 134 tirocini che vengono assegnati in queste settimane a 166 giovani. Gli studenti si impegneranno in attività di enti pubblici e aziende private e, a fronte di un supporto in affiancamento allo staff ad attività di riordino, manutenzione, pulizia, contatto con l’utenza e altro ancora riceveranno una borsa di tirocinio pari a 70 euro lordi/settimana (solo se sarà svolto almeno il 70% delle ore stabilite dal progetto di tirocinio). La durata sarà di minimo 2 e massimo 4 settimane comprese nel periodo 16 giugno – 29 agosto 2014. Le aziende ospitanti collaboreranno con gli istituti scolastici, enti promotori del tirocinio. Gli studenti potranno anche scegliere di impegnarsi in attività di volontariato con valenza sociale, culturale o ambientale in associazioni non profit della città. La durata dell’esperienza di Civil Action sarà di 25 ore da svolgere nel periodo 16 giugno – 29 agosto 2014.
http://www.trentogiovani.it/content/ambiti_di_attivita/sottoambiti/2400

IN VENETO – La Regione Veneto sostiene l’occupazione giovanile e incentiva nuove assunzioni: il progetto “Welfare to Work” per le politiche di reimpiego ha l’obiettivo di offrire ai giovani l’opportunità di un tirocinio e favorirne così l’inserimento o il reinserimento lavorativo: nelle prime due settimane sono arrivate 400 domande.
L’iniziativa prevede l’avvio di percorsi di tirocinio di inserimento/reinserimento lavorativo in azienda organizzati dai Centri per l’impiego del Veneto e destinati ai giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, inoccupati e disoccupati, che non percepiscano indennità o sussidi di disoccupazione, e che siano domiciliati in Veneto.
I percorsi, della durata massima di sei mesi, prevedono una borsa lavoro complessiva di 2.400 euro (400 euro netti al mese) che sarà erogata mensilmente al tirocinante da parte dell’Inps. Sono a disposizione 200 tirocini per ciascuna provincia a esclusione di Belluno e Rovigo (120) per un totale di 1.240 attivazioni sul territorio regionale. I tirocini saranno avviati fino a esaurimento dei fondi disponibili.
I giovani interessati a fare un’esperienza di tirocinio devono recarsi presso il Centro per l’impiego (CPI) del proprio domicilio per effettuare un primo colloquio. Anche le imprese venete che intendono ospitare uno o più percorsi di tirocinio devono rivolgersi ai CPI.
L’iniziativa prevede un incentivo per le aziende che assumono i tirocinanti prima della fine del percorso: le risorse residue della borsa lavoro non riconosciute al destinatario verranno attribuite all’impresa se l’assunzione avviene con un contratto di lavoro della durata di almeno 6 mesi (sono esclusi i contratti in somministrazione o a chiamata). Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi ai Centri per l’Impiego presenti sul territorio. 

DIPARTIMENTO FORMAZIONE ISTRUZIONE E LAVORO
tel. 0412795924
lavoro@regione.veneto.it