Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Picture of life: un lavoro da fotografi per 5 giovanissimi del circuito penale (e l’azienda ci mette attrezzature e formazione)

Cinque adolescenti italiani (di cui due di colore, mentre l’unica ragazza selezionata ha trovato un altro lavoro ed ha rinunciato), entrati nel circuito penale minorile, da qualche giorno frequentano lezioni teoriche e pratiche di fotografia per diventare dei professionisti; impareranno un mestiere, come occasione di riscatto e di futuro. Il progetto vede insieme il ministero di Giustizia, un ente come l’Istituto don Calabria  – Casa San Benedetto (dal 1932, nella sede centrale di Verona, gestisce diverse attività residenziali e diurne per l’accoglienza, il recupero, l’educazione e l’inserimento di minorenni e giovani adulti italiani e stranieri) e una azienda, la Vitec Group Italia SpA di Bassano del Grappa (VI), leader mondiale nella produzione e commercializzazione di accessori  professionali foto/video con i marchi Manfrotto e Gitzo.

</span></figure></a> Il progetto Picture of life
Il progetto Picture of life

L’obiettivo è creare una nuova occasione di rieducazione professionale e sociale per giovanissimi adolescenti con vicende penali in atto. Un’esperienza analoga si è svolta a Napoli all’inizio di questo anno, e quelli che si sono formati sono dei veri talenti.

</span></figure></a> Picture of life: le lezioni
Picture of life: le lezioni

Ora, fino a gennaio 2015, sotto la guida di esperti fotografi del network Manfrotto, i cinque giovani impareranno le basi della professione; alla fine del percorso di formazione verrà allestita una mostra fotografica finale con l’esposizione delle foto realizzate dai partecipanti e la possibilità, per uno di loro, di essere coinvolto in una collaborazione con Manfrotto, per attività di comunicazione legate al lancio di nuovi prodotti.

L’azienda, oltre ad aver dotato ogni ragazzo di un equipaggiamento professionale fotografico (borsa, cavalletto, macchina fotografica, filtri, e light modifiers) che rimarrà di proprietà del singolo partecipante al progetto,  ha allestito un vero studio fotografico, con laboratori dove realizzare ritratti, foto con sfondi diversi e la fase di post produzione. «È un progetto ambizioso – spiega Marco Scippa, direttore Risorse umane di Manfrotto Vitec Group Imaging Division – Picture of Life arriva a Verona e i ragazzi saranno ancora una volta i protagonisti, messi al centro di un percorso che intende dare loro una prospettiva di lavoro. La professione del fotografo diventa, grazie a questa iniziativa, il connubio fra una possibile futura occupazione e l’importante recupero della propria individualità, grazie allo sviluppo di competenze come responsabilità, disciplina e passione».

La fotografia è stata scelta perché, più di altri lavori, permette di esprimere – e ritrovare – la propria sensibilità, e di raccontare la bellezza in ogni senso. A monte c’è stata una selezione per capire chi era portato per questo genere di impiego.

life2«Questo progetto è molto significativo – commenta Alessandro Padovani, direttore dell’Istituto Don Calabria – perchè afferma la possibilità che il mondo dell’impresa possa assumere un ruolo di responsabilità sociale e di attenzione nei confronti dei giovani che cercano di proiettarsi in un futuro migliore. È un investimento importante verso i ragazzi e le ragazze che frequenteranno il corso nel promuovere e sostenere la loro creatività ed allo stesso tempo nello sviluppare un progetto di vita che includa un’opportunità lavorativa nell’ambito professionale della fotografia».

Al termine del corso ogni partecipante, oltre alla propria attrezzatura professionale,  avrà un proprio book per potersi presentare e candidarsi a incarichi lavorativi.

life11