Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Dna trentino, sguardo globale: HSL prepara i fanali bi laser per l’auto del futuro

Il CES (qui sotto il sito della prossima edizione già programmata) è uno dei più importanti eventi mondiali dedicati all’innovazione tecnologica e all’automotive. E qui è di casa anche HSL (una sigla che sta per Hic sunt leones, in italiano “qui ci sono i leoni” per indicare un ambiente complesso e che richiede grande attenzione: fondata nel 1988 a Trento è stata la prima azienda in Italia, e una delle prime in Europa (quando qualche stampante 3D era presente solo in centri di ricerca) a utilizzare questa tecnologia additiva nel campo della prototipazione (principalmente nel settore automotive, componenti per auto).

ces2021-blueworld-2_1920x816

HSL è una realtà meccatronica di Spini di Gardolo, Trento, specializzata nello sviluppo di sistemi di illuminazione di ultima generazione per l’industria dell’auto: il il suo team di esperti è ritornato da poco da Las Vegas, sede del CES che è uno dei più importanti eventi mondiali dedicati all’innovazione tecnologica: una vetrina internazionale dove vengono presentate le tecnologie più avveniristiche e disruptive, inclusi i veicoli e le soluzioni di mobilità del futuro, destinati a rivoluzionare il modo in cui ci sposteremo e vivremo le nostre città.

E dove, congiuntamente con l’azienda statunitense SLD Laser, fondata dal Premio Nobel per la fisica Shuji Nakamura, HSL ha presentato a clienti e investitori provenienti da Nord America, Europa e Asia un progetto alla frontiera dell’innovazione in ambito automotive: il primo modulo bi-laser per auto al mondo. Per Ignazio Pomini, fondatore e amministratore unico di HSL, «quanto presentato al CES conferma la centralità della collaborazione con SLD Laser, azienda leader mondiale nel suo settore, e la nostra capacità di essere parte della rivoluzione dell’auto del futuro».

hsl3
Il modulo bi-laser è stato sviluppato da HSL in partnership con SLD Laser, che ha fornito le fonti luminose laser (l’azienda Usa è leader nella produzione di una nuova generazione di fonti luminose laser per applicazioni in ambito automotive, mobilità, e illuminazione speciale). Il modulo sviluppato rappresenta per il mercato in cui opera HSL, quello delle hypercar e delle small-series, un nuovo standard tecnologico che offrirà maggior visibilità alla guida, migliori performance, più sicurezza ed efficienza.

La relazione strategica con SLD Laser permetterà all’azienda trentina di servire quindi le crescenti esigenze del settore automotive, ma anche di poter guardare alle opportunità nei settori della mobilità alternativa delle auto a guida autonoma, delle fly-cars e delle Smart Cities.

È stato presentato pure un secondo modulo bifunzionale (High Beam e Low Beam), nella fase di concept pre-sviluppo. Caratterizzato da prestazioni eccezionali grazie all’unità SMD 2000lm, questo modulo avrà non solo la capacità di illuminare, ma anche di comunicare ed elaborare la luce una volta che il processo di miniaturizzazione sarà applicabile al prodotto: un obiettivo innovativo, con un peso ridotto del 50% rispetto al modulo bi-laser presentato da HSL in questi giorni.

ignazio-pomini
«HSL è un’azienda orgogliosamente trentina, dall’orizzonte operativo globale. Presenziare al CES anche quest’anno ci ha offerto un’opportunità unica per confrontarci con i giganti dell’industria automotive mondiale, e per mostrare la nostra capacità di essere protagonisti della rivoluzione dell’illuminazione auto – dichiara Ignazio Pomini, amministratore unico e fondatore di HSL –. Quanto presentato al CES è una conferma non soltanto della centralità della collaborazione con SLD Laser, ma anche della validità del percorso industriale e di innovazione tecnologica intrapreso sino a oggi da HSL, con il rinnovamento degli asset di competenze in chiave digitale».

Per Pomini, «questo risultato è frutto del grande lavoro svolto da tutto il team HSL nel corso del 2019, e degli anni precedenti. Voglio quindi ringraziare i miei collaboratori per l’impegno, la passione, la tenacia e l’intelligenza».

L’azienda trentina, che a fine 2018 vantava un fatturato di 15 milioni di euro, conta a oggi una quarantina tra dipendenti e collaboratori (un team molto internazionale, con esperti anche da Spagna, Germania e altri Paesi), ma è in crescita, e nei prossimi mesi dovrà assumere nuovo personale altamente specializzato in ambito digitale.