Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Lo studio: le mascherine abbassano anche di mille volte la carica virale

Più bassa è la quantità di virus che riceviamo al momento del contagio, meno gravi potranno essere i sintomi della malattia. Una tesi ribadita a sostegno dell’utilizzo della mascherina, dell’igiene frequente delle mani e del distanziamento fisico e dimostrata per la SARS e la MERS, ma solo supposta finora per quanto riguarda il nuovo Coronavirus.

A supportarla scientificamente arriva uno studio dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria di Negrar (Verona), appena pubblicato su Clinical Microbiology and Infection e presentato in anteprima alla conferenza sul Coronavirus promossa alcune settimane fa dalla Società europea di microbiologia clinica e malattie infettive. I risultati dell’indagine sono stati citati anche dal Washington Post nell’ambito di un’inchiesta sul calo di mortalità da Covid 19 nel mondo.

buonfrate_piubelli

Quella realizzata dal team di ricerca del Dipartimento di Malattie infettive e tropicali e microbiologia, diretto dal professor Zeno Bisoffi, è un’analisi retrospettiva sui 373 pazienti che hanno avuto accesso al Pronto Soccorso dal 1 marzo al 31 maggio. L’obiettivo era quello di verificare se la diminuzione della carica virale avesse influito non solo sul numero assoluto di pazienti Covid che si sono rivolti al Pronto Soccorso, ma anche sulla gravità della malattia.

“A metà marzo marzo il Paese è entrato in lockdown e il nostro pronto soccorso nello stesso mese ha registrato 281 accessi di persone positive che sono scese di oltre un terzo (86) in aprile e a 6 a maggio”, spiega l’infettivologa Dora Buonfrate (in foto con la collega Piubelli). “Nello stesso periodo la percentuale dei pazienti per i quali si è reso necessario un ricovero in terapia intensiva è passata dallo 6,7% a marzo, 1,1% ad aprile e 0 a maggio”.

“Inoltre da marzo a maggio abbiamo rilevato con l’analisi molecolare sui tamponi naso-faringei una quantità di virus anche mille volte inferiore. Cosa che conferma quanto supposto da studi precedenti: una bassa carica virale corrisponde a una malattia meno grave”, prosegue la biologa Chiara Piubelli, responsabile della ricerca biomedica.

Questa progressiva diminuzione non può essere imputata né alla tempistica con cui è stato effettuato il tampone né alle terapie messe in atto sui pazienti. “L’intervallo di tempo tra l’insorgenza dei sintomi e il test molecolare non è cambiato significativamente nel tempo – precisa Piubelli -: una media di 7 giorni a marzo e di 5 giorni ad aprile. Inoltre la gestione del paziente è stata parzialmente modificata nel corso della pandemia, ma la valutazione clinica utilizzata per decidere il ricovero in ospedale e in terapia intensiva è rimasta sostanzialmente la stessa”.

A fare la differenza invece sono state le misure di blocco che, creando un ambiente a bassa trasmissione del virus, hanno determinato manifestazioni cliniche meno gravi. “Una conclusione che conferma la validità delle misure di contenimento del virus: uso della mascherina, igiene frequente delle mani e distanziamento fisico. Solo così possiamo ridurre la carica virale sui contagiati e fare in modo che il sistema sanitario non vada in crisi per il ricorso agli ospedali, in particolare alle terapie intensive. E insieme scongiurare nuove drastiche misure di chiusura”, sottolinea la dottoressa Buonfrate.

Ma il virus non può aver subito mutazioni? “Studi precedenti hanno rilevato mutazioni genetiche del virus, ma non per quanto riguarda la sua contagiosità”, concludono le due ricercatrici.

***AGGIORNATO 26 ottobre: un lettore ha segnalato che nel testo originale dello studio non compare esplicitamente la parola mask, come mai?

La risposta arrivata da Negrar:

Il concetto chiave dell’articolo rimane che il mantenere una situazione ambientale di bassa circolazione virale è stato associato a contagi con minor carica virale. Questa può influire nel causare una malattia più o meno grave nel soggetto infettato.

Una situazione ambientale di bassa carica virale si ottiene con distanziamento fisico, l’uso corretto della mascherina e la detersione frequente delle mani.

  • Barbara Ganz |

    Ho chiesto un chiarimento alle due autrici (il riferimento diretto è solo al lockdown, ma il comunicato è del loro stesso ospedale): lo pubblico appena arriva, grazie della domanda, B

  • Mario Poggioni |

    questo è il link: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1198743X20306170

  • Barbara Ganz |

    Buonasera, le due autrici legano la minore carica a “validità delle misure di contenimento del virus: uso della mascherina, igiene frequente delle mani e distanziamento fisico”; ho comunque chiesto se ci mandano un link dello studio completo, grazie, B

  • Mario Poggioni |

    solo un dubbio: dove sono citate le mascherine nello studio?

  Post Precedente
Post Successivo