Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il grillotalpa dell’Alto Adige e la ricerca scientifica fatta con l’aiuto dei cittadini

Cicada Tracker è il nome di un esperimento sociale lanciato da una radio americana, RadioLab della WNYC Radio, New York, che ha coinvolto gli ascoltatori nel monitoraggio del volo delle cicale sulla costa Est degli States. La radio aveva anche dato istruzioni per costruire dei sensori fai da te, con Arduino; il risultato era stata una mobilitazione e la costruzione collettiva di una mappa delle segnalazioni su questo fenomeno che si ripete seguendo cicli fissi.
Il progetto Cicada tracker è oggi uno degli esempi utilizzati nei corsi di giornalismo digitale.
Anche a Bolzano c’è un esperimento di “Citizen science”: lo ha lanciato il Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige per rilevare la mappa della presenza del grillotalpa sul territorio altoatesino.
</span></figure> Mappa 2: stato della conoscenza sulla diffusione del grillotalpa in Alto Adige DOPO le segnalazioni fornite dalla popolazione. I punti gialli e arancioni rappresentano segnalazioni storiche o vecchie<br>Fonte: Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige
Mappa 2: stato della conoscenza sulla diffusione del grillotalpa in Alto Adige DOPO le segnalazioni fornite dalla popolazione. I punti gialli e arancioni rappresentano segnalazioni storiche o vecchie
Fonte: Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige

grillo
“Citizen science”, come viene chiamato in area anglosassone, significa “Ricerca scientifica con la partecipazione dei cittadini”. Il Museo altoatesino lo ha adottato nel giugno scorso quando ha invitato la popolazione a segnalare la presenza del grillotalpa (Gryllotalpa gryllotalpa) nel territorio provinciale.
Sono arrivate quasi subito circa 100 segnalazioni, spesso corredate di foto; poiché questa specie di insetto è inconfondibile, si possono considerare affidabili – spiega Petra Kranebitter, zoologa del museo che ha seguito il progetto – ora abbiamo un quadro più chiaro dell’effettiva diffusione del grillotalpa in Alto Adige”.

La mappa di distribuzione, realizzata anche sulla base dei dati forniti dai cittadini, rivela immediatamente che il grillotalpa in Alto Adige è presente quasi solo nelle zone più miti delle valli principali. La ricerca evidenzia la sua assenza in Val Pusteria e nelle valli laterali, dalle quali non è pervenuta alcuna segnalazione. Il grillotalpa manca anche in Alta Valle Isarco e in Alta Val Venosta, dove non trova condizioni di vita adeguate. Questa specie ama, infatti, l’umidità e non sopporta molto il freddo. Il suo habitat naturale ideale è perciò umido e caldo, e può essere anche fortemente antropizzato.
La segnalazione più elevata è a San Genesio, a 1.250 metri sul livello del mare. “Capire perché il grillotalpa manchi nell’area orientale della provincia di Bolzano, benché essa offra delle isole di clima mite, è la questione che ci dobbiamo porre ora e uno degli esiti più interessanti del nostro appello,” conclude Kranebitter.
La mappa aggiornata della distribuzione del grillotalpa è consultabile sul portale www.florafauna.it (c’è anche la distribuzione di pipistrelli nani e ghiri, ad esempio)

</span></figure> Mappa 1: stato della conoscenza sulla diffusione del grillotalpa in Alto Adige PRIMA delle segnalazioni fornite dalla popolazione. I punti gialli e arancioni rappresentano segnalazioni storiche o vecchie.
Mappa 1: stato della conoscenza sulla diffusione del grillotalpa in Alto Adige PRIMA delle segnalazioni fornite dalla popolazione. I punti gialli e arancioni rappresentano segnalazioni storiche o vecchie.