Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Veneto, al via la scuola di politica per aspiranti candidate alle elezioni (ci sono anche sei ventenni)

Sono 345 i Comuni veneti che andranno al voto alla prossima tornata di elezioni amministrative. In quelli sopra i 5mila abitanti, 131, per la prima volta si voterà con il sistema della doppia preferenza di genere, introdotta dalla legge 215 del 2012. Quante sono le donne che decideranno di candidarsi? La commissione Pari opportunità presieduta da Simonetta Tregnago ha deciso di dare loro un supporto pratico: un corso di formazione in sette incontri. Per l’iscrizione, gratuita, c’è tempo solo fino a tutto il 28 febbraio: le aspiranti sindaco e consigliere sono già 71.

Per la precisione, 71 sono le domande ricevute, ma due provengono da uomini. La classe d'età più numerosa è quella delle nate negli anni 60 (23), ma non mancano tre signore nate negli anni 40 e le giovanissime: 11 degli anni Ottanta, sei degli anni Novanta. In 31 hanno una laurea, la stragrande maggioranza (59) non ha attualmente incarichi politici nè nella pubblica amministrazione (46).

La formazione si svolge in sette giornate, da lunedì 3 marzo a Venezia, nella sala conferenze di palazzo della Regione (Fondamenta santa Lucia 23, Cannaregio). Le materie base delle "Tecniche e strumenti per la comunicazione politica" vanno dalla gestione dell’agenda in campagna elettorale alle abilità di ascolto, dal parlare in pubblico (modalità teoriche ed esercitazioni) al ruolo di internet e dei social network.
«L’iniziativa – spiegano in Regione – rientra nel nuovo programma di attività della commissione Pari opportunità del Veneto e mira a ridurre il gap tra rappresentanza femminile e maschile nelle istituzioni; un settore in cui predomina ancora la presenza maschile a causa di un modello consolidato che vede gli uomini conservare le posizioni di maggior prestigio e potere in tanti settori lavorativi e sociali».

Logo PO

Il progetto prevede un percorso di sette appuntamenti di approfondimento (tutti dalle ore 14 alle 18), per insegneranno alle partecipanti come comunicare in modo convincente, costruire messaggi efficaci, analizzare caratteristiche e modelli della leadership di genere, comprendere il ruolo di internet nella comunicazione politica ed elettorale, curare i contenuti e i metodi della campagna elettorale, articolare gli strumenti della campagna, valorizzare la comunicazione interpersonale e la capacità di ascolto. Saranno inserite anche testimonianze dirette di donne impegnate in politica.
I docenti sono esperti in comunicazione e fanno parte di Ferpi (Federazione relazioni pubbliche italiana): Giampietro Vecchiato, Francesco Pira, Mariapaola La Caria  e Mario Rodriguez.
Non sono previsti crediti formativi, né la frequenza obbligatoria a tutti gli appuntamenti.
La legge di riferimento è intitolata “Disposizioni per promuovere il riequilibrio delle rappresentanze di genere nei consigli e nelle giunte degli enti locali e nei consigli regionali. Disposizioni in materia di pari opportunità nella composizione delle commissioni di concorso nelle pubbliche amministrazioni”. Per i Comuni al di sotto dei 5mila abitanti il riequilibrio di genere è garantito unicamente dalla rappresentanza di entrambi i sessi nelle liste dei candidati.

Info: 041 2794375 e 041 2794376
e-mail commissione.pari.opportunita@regione.veneto
Il programma è al link:
http://www.regione.veneto.it/c/document_library/get_file?uuid=67afc27d-3bd1-482e-999a-560c139155cf&groupId=10785