Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Dalla cioccolata alle dentiere, la meglio gioventù che cresce a Nordest (e fa le cose per bene)

Sandra è arrivata in Italia, a Thiene (Vicenza), dalla Bosnia nel 2012. Insieme alla sorella minore e alla madre,  ha raggiunto il padre che dal 2000 viveva e lavorava qui come operaio. In Bosnia Sandra Stojancic frequentava la scuola per odontotecnici; quando si è trasferita aveva appena terminato il triennio ma, non conoscendo una parola di Italiano, invece che al quarto anno è stata iscritta al secondo. Dopo un primo quadrimestre con voti eccellenti in tutte le materie, nonostante la difficoltà della lingua, è stata portata nella terza classe durante lo stesso secondo quadrimestre. Ora affronta gli esami di maturità all’Istituto Lampertico di Vicenza.

</span></figure></a> La premiazione
La premiazione

</span></figure></a> La vincitrice
La vincitrice

È lei la vincitrice del Trofeo Ruthinium (ricordate? L’azienda di Rovigo delle dentiere solidali raccontata qui), lanciato fra gli studenti del quinto anno degli Ipsia, indirizzo Odontotecnico, di tutta Italia.

«Mi ha raccontato che inizialmente non era per nulla contenta di trasferirsi – racconta Barbara Piazza, titolare dell’azienda che ha viaggiato in tutta Italia portando nelle scuole anche il materiale necessario a lavorare e imparare – Pensava agli amici che lasciava, a quanto sarebbe stato difficile ambientarsi in un Paese straniero, però la cordialità della gente, l’incredibile accoglienza che ha ricevuto, senza pregiudizi, l’hanno aiutata molto. Ha vinto il trofeo realizzando un lavoro eccellente, sia dal punto di vista biomeccanico che estetico. Le sue parole di ringraziamento, alla premiazione, sono state per i suoi insegnanti».

Sandra ha prodotto la migliore protesi del concorso: per lei e gli altri vincitori, futuri odontotecnici, il premio consiste nell’opportunità di partecipare gratuitamente a percorsi formativi e stage lavorativi.

Intanto, alla finale regionale di Padova, i ragazzi dell’ITIS “Viola Marchesini” di Rovigo e il CFP ENGIM “Turazza” di Treviso hanno vinto l’Olimpiade della Macchina utensile, concorso rivolto agli studenti dei corsi a indirizzo meccanico degli Istituti Superiori e dei Centri di formazione professionale del Veneto. Nel complesso il progetto ha coinvolto 254 studenti, 48 docenti, 29 Istituti scolastici del Veneto.
1 Premio Itis Viola Marchesini Rovigo

1 premio CFP  Engim Turazza Treviso
Il concorso è stato promosso da Confindustria Veneto Metalmeccanici e dalle sezioni Meccaniche delle territoriali di Padova, Rovigo, Treviso e Vicenza, allo scopo di rafforzare il dialogo tra scuola e impresa, diffondere le più moderne tecnologie produttive e far conoscere le professionalità più avanzate e richieste. Nato originariamente per la provincia di Vicenza, per la prima volta quest’anno l’Olimpiade della Macchina Utensile è stata estesa a livello regionale con l’obiettivo di «gettare un ponte verso la scuola e il mondo accademico, per realizzare una formazione innovativa, aperta, costruita sulle competenze». È un format originale e concreto, attraverso il quale dare ai giovani l’occasione di mettere alla prova direttamente in azienda le competenze acquisite a scuola, sperimentando quell’alternanza che in Italia è appannaggio solo del 4% degli under 29 anni, contro il 22,1% della Germania. Il risultato è che in Germania la disoccupazione giovanile è ferma al 7%, da noi è al 43%.

Dalle macchine al cioccolato: per cinque domeniche alle 13.20 su Real Time (canale 31 del digitale terrestre free), giovani futuri pasticceri partecipano a “Il re del cioccolato – la scuola“, uno spin off de “Il re del cioccolato” con Ernst Knam, prodotto da Zodiak Active per Discovery Italia. Il programma, sostenuto da Trentino Film Commission, è stato girato nel corso della primavera fra la zona dell’Alto Garda e Rovereto. Protagonisti sei ragazzi e ragazze provenienti dagli istituti alberghieri di Riva del Garda e di Rovereto, selezionati fra una trentina di studenti, ai quali Knam ha insegnato i segreti della pasticceria.
Nel programma in onda a metà giugno, Ernst Knam in qualità di mentore darà ai suoi studenti un nuovo compito in ogni puntata, creare un dolce per un evento particolare, cercando al contempo di stimolare la loro creatività ed abilità mettendoli alla prova con ingredienti sempre nuovi. Alla fine di ogni episodio i ragazzi presenteranno i propri dolci a Knam e ad un committente e insieme decideranno quale tra le sei proposte si avvicina maggiormente allo spirito dell’evento per il quale è stato richiesto. Durante le cinque puntate, della durata di circa 45 minuti ciascuna, si sveleranno i sei ragazzi, le loro ambizioni e il loro amore per l’arte della pasticceria. La serie si concluderà con la creazione di una grande scultura (di cioccolata, ovviamente).

Foto calzolai ortopedici
In Alto Adige due ragazze, Angelika Pichler e Sabrina Gruber sono riuscite nell’impresa di superare l’esame per artigiane qualificate nel settore dei calzolai ortopedici: Piuttosto impegnativi i compiti che le due artigiane hanno dovuto affrontare: l’obiettivo dell’esame era infatti quello di realizzare in sette ore un paio di scarpe ortopediche con un design flessibile e un paio di plantari. In Alto Adige esistono complessivamente 11 imprese di calzolai ortopedici, specializzate nella produzione di scarpe e plantari ortopedici: «Il nostro è un comparto di piccole dimensioni, che si contraddistingue in particolar modo per l’elevata qualità – spiega il presidente dei Calzolai ortopedici di Lvh.apa Confartigianato Imprese Helmut Burger -. Ora abbiamo la fortuna di poter contare su due artigiane specializzate in più».

Foto campionati italiani UNFAASM - Nadine Lanziner in azioneE per restare in Alto Adige, ai recenti campionati nazionali di acconciatura UNFAASM andati in scena a Caserta, Nadine Lanziner ha conquistato due primi e un terzo posto di  valore. Prosegue così nel migliore dei modi la sua preparazione verso i campionati mondiali dei mestieri Worldskills 2015 (le Olimpiadi della formazione professionale che coinvolgono oltre mille competitor, 72 nazioni, 45 mestieri in competizione, oltre 200mila visitatori e 3mila addetti ai lavori provenienti dai settori della formazione professionale, dell’economia, della politica, della ricerca e dello sviluppo).

La giovane altoatesina ad agosto rappresenterà l’Italia in occasione dell’attesissima rassegna internazionale di Sao Paolo. I suoi successi sono arrivati nelle categorie “moda trend” e “raccolto”, mentre il terzo gradino del podio è giunto nella prova “bombè”.

Il Team Italy sarà composto da19 giovani talenti che si confronteranno con i migliori apprendisti del mondo nel proprio mestiere di competenza ed avranno modo di mostrare tutte le proprie capacità.