Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ciminiera o robot? L’industria è cambiata, la sua segnaletica no: ci pensano gli studenti di Design (votate!)

Innovativa: tre quarti degli investimenti in ricerca e sviluppo provengono dall’industria.

Internazionale: le imprese del settore manifatturiero generano più dell’80 per cento dell’export altoatesino e vendono i propri prodotti in oltre 170 Paesi del mondo.

Sostenibile: rispetto agli anni Settanta l’industria altoatesina produce dieci volte di più, ma lo fa consumando meno energia.
L’industria si è evoluta e la “vecchia” immagine della fabbrica con la ciminiera che indica le zone industriali è ormai superata. Assoimprenditori Alto Adige ha chiesto a studenti e studentesse della Facoltà di Design e Arti della Libera Università di Bolzano di provare a immaginare un nuovo pittogramma da apporre sulla segnaletica stradale che indica le zone produttive.

studenti

All’ateneo bolzanino sono stati presentati i 18 progetti elaborati dai ragazzi sotto la guida del professor Christian Upmeier.
“Questo progetto ha per noi una duplice valenza. Prima di tutto volevamo capire quale immagine hanno i giovani dell’industria moderna e in secondo luogo volevamo trovare assieme a loro un simbolo innovativo che potesse rendere l’idea della grande trasformazione che hanno vissuto le nostre imprese”, spiega il presidente di Assoimprenditori, Stefan Pan.
160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_03

Con un valore aggiunto del 23 per cento sul totale provinciale e 45 mila occupati dipendenti, il settore manifatturiero è il motore dell’economia altoatesina. “Far capire in primo luogo ai giovani le potenzialità che offre questo settore è fondamentale: nell’industria si trovano posti di lavoro altamente qualificati, internazionali e con una remunerazione più alta della media”, ricorda Pan.

Il presidente di Assoimprenditori ha sottolineato l’importanza della collaborazione con la Libera Università di Bolzano: “Il rapporto è molto stretto e le iniziative comuni sono sempre più numerose. Siamo convinti che rafforzare il legame tra ateneo e imprese comporti un vantaggio competitivo sia per i giovani, a cui viene facilitato l’ingresso nel mondo del lavoro, sia per le aziende, che hanno interesse a inserire al loro interno i nuovi talenti”.

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_02
Gli studenti hanno risposto con progetti molto interessanti che partono da approcci diversi: dall’evoluzione tecnologica allo sviluppo industriale passando per la localizzazione spesso decentrata delle zone produttive. “Quello di pensare ad un nuovo simbolo stradale per le zone industriali ha rappresentato una sfida stimolante per studentesse e studenti che hanno così potuto confrontarsi con un progetto pratico con l’economia del territorio”, afferma Upmeier.
Gli elaborati degli studenti sono affissi nella sede di Assoimprenditori. Sulla pagina Facebook fin da subito si può votare il simbolo preferito tra i 18 presentati.

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_01
160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_04

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_05

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_06

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_07
160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_08

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_09

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_10

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_11
160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_12

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_13

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_14

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_15
160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_16

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_17

160126_unibz_pictograms_industrial_zone_Seite_18