Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Treviso, sette aziende per un centro infanzia: hanno fornito tutto, dalle tegole alla cucina (e sarà aperto a tutti)

Una vela lucida che sembra emergere dal terreno e si slancia verso NordEst; al centro, fulcro dell’intera struttura, un grande e luminoso giardino circolare interno che ricorda il sole: “Il sole dentro” è il nome del nuovo complesso scolastico che – a partire dai primi giorni di settembre 2016 – darà vita al sogno di sette aziende della zona industriale di Scomigo – San Giacomo di Veglia: Ali group, Irinox, Gruppo Zoppas, Permasteelisa, Silca, Ristorazione Ottavian e Tegola Canadese. Un progetto ampliato e rinnovato, interaziendale, promosso dal Consorzio Prealpi (che riunisce le imprese) nell’area industriale del Trevigiano, con il supporto di Unindustria Treviso.

sole2

La scorsa estate un incendio aveva lasciato solo le macerie fumanti del vecchio asilo, che hanno rischiato di bruciare insieme all’idea di welfare e umanizzazione della zona industriale: gli imprenditori hanno deciso di rilanciare con un nuovo progetto, migliore. Il nuovo Centro Infanzia sarà una struttura polivalente: oltre al nido, presente già nel vecchio asilo, affiancherà la scuola dell’infanzia, con un totale di 64 posti disponibili, non solo per i figli dei dipendenti dei consorziati, ma aperto anche alla cittadinanza.

sole7
Le società consorziate hanno messo in campo il proprio know- how tecnologico per l’edificazione del nuovo fabbricato, del valore complessivo di un milione e 300mila euro. Il progetto prevede la realizzazione di una struttura in calcestruzzo armato e rivestimenti progettati, realizzati dalla società Permasteelisa Spa, che è anche Project manager del lavoro. La copertura sarà realizzata con pacchetto isolante sia dal punto di vista termico che acustico, progettato e realizzato da Tegola Canadese Spa. L’impianto meccanico prevederà il riscaldamento a pavimento, aereazione meccanica controllata, mentre il calore/ raffrescamento sarà fornito da energia prodotta da pompa di calore, alimentata da pannelli fotovoltaici amorfi, su progetto di Tegola Canadese Spa: questa configurazione permetterà di raggiungere le prestazioni energetiche previste dalla classe A. Le aperture e i sistemi di accesso saranno garantiti dagli standard Silca, mentre il Gruppo Ali provvederà alla fornitura della cucina. La firma è dell’architetto Stefano Tinelli di Treviso.

sole3L’immobile raggiungerà i 600 metri quadri, ed è realizzato su due piani: il piano terra destinato, come previsto dalla normativa in materia di asili nido- scuola materna, ai piccoli utenti, e il piano primo utilizzato come area a servizi (locali tecnici, uffici, spogliatoi per il personale); all’esterno oltre 1.000mq di superficie scoperta.

La gestione dell’asilo è stata assegnata ad Anna Amuro, attuale proprietaria del British Institutes di Conegliano, e membro del Board dei giovani imprenditori di Unindustria, che ha sposato completamente l’idea di una gestione moderna, internazionale e creativa, proponendo una serie di attività accattivanti non solo per i bambini, ma anche per le famiglie e per tutte le persone che vorranno trovare, nella zona industriale, un luogo di benessere e creatività. Anna Amuro si farà supportare dal formatore, docente e psicoterapeuta Andrea Sales. «Pensiamo a un luogo dove anche le madri in attesa possano trovare supporto, lezioni di yoga o di musicoterapia, e ad attività da svolgere con i bambini – spiega Chiara Mazzer, presidente del Consorzio – La sera questi stessi spazi potrebbero ospitare conferenze e momenti di formazione: il tutto all’insegna di un progetto aperto ai genitori e al loro coinvolgimento».

sole
La realizzazione di questo progetto «è stata possibile grazie alla volontà dei consorziati, alla sinergia e alla condivisione con Unindustria, con il comune di Conegliano cui va un ringraziamento particolare, al broker assicurativo Nord-Est Insurance broker che a seguito dell’incendio dello scorso anno, si è speso in modo esemplare perché la compagnia assicurativa del Consorzio, la società Unipol liquidasse il danno in tempi record e il consorzio potesse ripartire il prima possibile con i lavori di costruzione – fanno sapere i protagonisti dell’impresa – Un grazie particolare va inoltre ad un gruppo di aziende che, pur non essendo parte del consorzio, si sono fatte carico di oneri finanziari, partecipando a questo grande progetto e sposandone i contenuti, donando gratuitamente la loro opera o i loro prodotti».

Nell’elenco dei benefattori (ma altri possono aggiungersi in ogni momento) figurano:
– Parchettificio Garbellotto Srl
– Nord-est insurance broker
– Rothoblaas Srl
– Neon Lauro
– Azienda Florovivaistica Faraon Antonio
– Kastel Srl
– Doimo Office
– Marca Service Srl
– Centro Tecnico Menegazzo Srl
– Granziera Srl
– Lavas Srl

  • Riccardo Samiolo |

    essere Veneto travalica i confini delle legal entity e diventa impegno per il Territorio inteso come un mega gruppo sociale. nei fatti il modello nordest vede le persone e gli istituti agire per il benessere di tutti ignorando i confini che una miope scienza economica ci insegna. se l’asilo funziona il mio collega responsabile legale può finire una riunione e possiamo chiudere l’appalto.
    anche io sono il Veneto, è qui la chiave.

  Post Precedente
Post Successivo