Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il primo servizio di consegna a domicilio di cibo salutare e bilanciato nel Triveneto, creato dopo un viaggio a Londra (e 10 chili in più)

Si chiama Beeathy la startup fondata da Stefano Bertoli, 33 anni, che ha portato in Italia l’esperienza acquisita in quasi dieci anni trascorsi all’estero adeguandola al mercato nazionale.

Beeathy è nata a metà del 2018 ed è il primo esempio di servizio di consegna a domicilio di cibo salutare e bilanciato nel Triveneto; Bertoli,  maniaghese di 33 anni, è un “cervello di ritorno” con un forte spirito imprenditoriale; dopo gli studi tecnici si è occupato di finanza per le aziende e criptovalute, ha avuto una società immobiliare a Panama ed è socio al 49% di una società in Slovacchia che vende materiale edile.

Una vita in viaggio, da Londra a Sidney passando per il Canada, e ovunque si spostasse lo stesso problema di tipo pratico: riuscire a mangiare in modo sano e gustoso, ma veloce, nelle brevi pause pranzo e al ritorno a casa la sera tardi. “Da sempre attento all’alimentazione sana e con un’oggettiva difficoltà a mantenere il proprio peso forma a causa di un metabolismo lento – racconta la storia di Stefano – a Londra aumenta di dieci chili per colpa del il fast food squilibrato. L’illuminazione lo coglie a Sydney, dove conosce e utilizza un collaudato servizio di healthy food delivery, grazie al quale perde il peso in eccesso e ritrova forma e salute”.

 

stefano-bertoli-ok

A Londra e Sydney osserva da vicino il successo di questo business, e tornato in Italia fonda la propria azienda tenendo tuttavia presenti le peculiarità e le tendenze del mercato locale: l’attenzione alla qualità del cibo e la necessità di una spiccata personalizzazione del servizio. La startup propone menù per restare in salute, perdere peso restare in forma: si può scegliere fra più di 60 proposte e 5 diete: mediterranea, a zona, iperproteica, vegana e vegetariana.

La scelta di far base a Nordest non è stata casuale poiché in questo territorio la sensibilità per l’alimentazione sana è particolarmente elevata: qui c’è la maggior concentrazione di città italiane vegan friendly, ad iniziare da Venezia, in cima alla top ten secondo i dati Eurispes.

Così, presente e utilizzato già da molti anni all’estero, l’healty food delivery, ovvero il servizio di consegna a domicilio di pasti bilanciati e salutari, approda anche a Nordest. Beeathy si distingue anche dalle altre realtà nazionali dello stesso settore e concentrate nelle grandi città: ha scelto di utilizzare solo materie prime  scelte di provenienza italiana e punta su una spiccata personalizzazione del servizio.

consegna-a-domicilio-min

Oggi confluiscono e vengono gestiti a Maniago ordini da tutta Italia, soddisfacendo ogni tipo di esigenza, anche quelle di vegetariani e vegani, categoria in costante crescita e per la quale la startup ha da subito dimostrato un occhio di riguardo. Del resto nel Triveneto la sensibilità per vegetarismo e veganesimo è elevata: nella top ten delle città Vegan Friendly d’Italia (ricerca Holidu, basata su dati Eurispes 2017) si ritrovano ben tre città del Nordest: prima Venezia, quinta Padova e sesta Verona.

Nel 2010 – racconta Stefano Bertoli – sono partito per un’esperienza di lavoro a Londra. Qui la maggiore difficoltà quotidiana per me è stata quella di riuscire a mangiare qualcosa di salutare, veloce e non troppo costoso durante la breve pausa pranzo e alla sera, quando rientravo a casa. L’alimentazione sregolata in tre anni mi ha portato ad aumentare di dieci chili”. Se la permanenza a Londra evidenzia un problema, l’Australia suggerisce la soluzione. “Mi sono trasferito a Sydney nel 2013 e presto ho notato che molti colleghi e amici risolvevano la questione “pausa pranzo” ricorrendo a soluzioni su misura come Lite&Easy, un servizio di consegna a domicilio di pasti sani ed equilibrati nato addirittura nel 1986. Grazie a questa attenzione sono riuscito a dimagrire e a mantenere il mio peso forma”.

due

È proprio allora che Stefano inizia ad immaginare Beeathy, anche se da principio la sua idea era quella di creare un servizio di healthy food delivery ispirato alla cucina italiana da realizzare in Australia. Poi un incidente e una lunga convalescenza cambiano i piani del giovane pordenonese, senza tuttavia spegnerne l’entusiasmo e l’intraprendenza: nel 2017 inizia a studiare e costruire il suo progetto, ricalibrandolo sulle specificità del mercato italiano, e a metà del 2018 Beeathy diventa realtà nella sua città di origine, Maniago.

Si tratta di una scommessa – spiega – perché la nostra tradizione culinaria è ricchissima e le nostre aspettative a tavola sono alte: per questo ho puntato molto sulla personalizzazione delle proposte con quantità bilanciate per uomo e donna, programmi alimentari mirati a raggiungere vari obiettivi (la perdita di peso, un programma detox, il mantenimento oppure un semplice approvvigionamento di pasti di qualità seguendo e rispettando i macro elementi caratteristici di 5 regimi alimentari differenti). A questo si aggiunge la possibilità di seguire un programma alimentare assistito con un nutrizionista che analizza e monitora i risultati . La nostra offerta prevede una scelta molto ampia di piatti (60 a listino, 150 in tutto con una rotazione mensile) alcuni dei quali ispirati proprio a territori e tipicità del nostro paese e tutti preparati con ingredienti di alta qualità  di origine italiana”.

Beethy ha ottenuto l’approvazione di un contributo regionale di 50mila euro attraverso un bando della Regione Friuli Venezia Giulia (non ancora stanziato) che permetterà di consolidarsi con attività di marketing.