Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Anche una giovane ocelot può essere una mamma apprensiva: storia di Andy e di Keyra, nata a Bussolengo

Quando si diventa mamma, spesso si cresce e si affrontano le proprie insicurezze: non accade solo all’uomo, ma anche agli animali.

ocelot4
E’ il caso di Andy, giovane mamma primipara che solo 3 mesi fa ha dato alla luce Keyra, l’unica piccola di ocelot a venire al mondo in un parco zoologico italiano, al Parco Natura Viva di Bussolengo (dove si tutelano le specie minacciate): occhi azzurri del colore del mare, musetto impertinente, manto maculato e tanta voglia di esplorare gli anfratti tra le rocce e la cima degli arbusti presenti nel suo reparto. Attività tipiche per un cucciolo di felino che non hanno mancato di mettere alla prova il forte istinto di protezione di mamma Andy, impegnata durante i primi mesi di vita a riportarla al sicuro della tana a ogni tentativo di allontanamento volontario.

ocelot“Nella storia di Andy c’è la ragione della sua insicurezza”, spiega Caterina Spiezio, responsabile del settore ricerca e conservazione del Parco Natura Viva. “Lei non fu svezzata e allevata dalla sua mamma ma dai keeper del parco zoologico dove nacque. Sebbene ora sia adulta, rimane il fatto che non abbia mai vissuto su di sè l’esperienza dell’accudimento da parte di un adulto della propria specie, al quale si aggiunge l’inesperienza stessa di essere mamma per la prima volta. Questo ha comportato una maggiore inquietudine nel gestire la voglia di esplorare di Keyra e un po’ di tempo in più per accettarne gli spostamenti autonomi”.

ocelot5
Ma la gestione adeguata dello staff del Parco le ha consentito di riconoscere l’uomo come altro da sé, di avere fiducia in Philip – papà della piccola e suo compagno – di affrontare la vita contando sul suo istinto di animale selvatico e di allevare al meglio la piccola Keyra. “I tre mesi di Keyra ora impediscono alla mamma di riuscire a trasportarla e portarla al sicuro. Così, Andy, non può far altro che tranquillizzarsi ed osservarla mentre gioca con qualunque cosa si muova, che sia un rametto, un sassolino o un arricchimento da scartare. Anche se la sua attività preferita rimane quella di arrampicarsi dappertutto, in perfetto “stile ocelot”, conclude Spiezio.

IL COMMERCIO DI PELLI DI OCELOT

Pur trattandosi infatti di un felino americano terricolo, l’ocelot abita ambienti che vanno dalle foreste tropicali alle praterie, nei quali predilige la presenza di coperture arboree. Tra i suoi predatori il boa, i puma e i giaguari, ma il più pericoloso rimane l’uomo: tra gli anni sessanta e i settanta venivano messe in commercio ogni anno fino a 200.000 pelli e l’ocelot rischiò l’estinzione. Nel 1990 ne fu proibito il commercio ma oggi, questo splendido felino rimane inserito nella Lista Rossa IUCN a causa della perdita dell’habitat in cui vive e ancora, a causa del commercio illegale degli esemplari.

E per gli amanti degli animali: ecco la app per la passeggiata con i cani che mette al riparo da brutti incontri, e la bella collaborazione fra una casa di riposo del Veneziano e un rifugio per animali che ha prodotto tante coperte per i cuccioli.