Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sei cani e un’idea: Sara inventa la app per i proprietari di cani (per socializzare ed evitare brutti incontri)

C’era anche lui – Buch (dal nome della razza: bovaro svizzero dell’Entlebuch) ma per gli amici Uki – alla conferenza stampa di presentazione della app Ukidog al comune di Padova. Buch e Sara Orlandi, educatrice cinofila diplomata alla scuola il Biancospino di Pavia, sei cani in casa e un’idea venuta di notte: “Era tardi, sono passati ormai tre anni: pensavo a come risolvere i problemi vissuti in prima persona, quando esci di casa per portare il cane in una delle aree riservate o in un prato, un sentiero, ma poi trovi altri animali incompatibili. Si possono prevenire queste situazioni?”.

uki4

Sara ha cominciato a intervistare chi poteva avere un quadro della situazione: i padroni, naturalmente, ma anche le assicurazioni, le cliniche veterinarie, perché le aggressioni fra cani succedono e spesso la lite trascina i proprietari. “Io, poi, ho sempre avuto cani dal carattere impegnativo. Ho capito che l’idea era buona e ho cercato uno sviluppatore che mi aiutasse a realizzarla”. Un lavoro di un anno e mezzo, con Matteo Cherubin, e l’app è pronta.

uki

Se il nome è una dedica a Buch, il posto e la data prescelti per il lancio sono un omaggio alla mamma di Sara, Franca, padovana, scomparsa due anni fa al termine di un ricovero iniziato proprio il giorno di san Valentino, che segna oggi il lancio ufficiale di Ukidog: “Ho voluto unire un ricordo triste e uno bello. Quando ho chiamato in Comune per presentare la mia idea ho avuto la fortuna di incrociare sulla mia strada una segretaria amante dei cani, che mi ha fatto parlare con l’assessore di riferimento”.

«Quando Sara Orlandi, l’ideatrice, ci ha proposto questa applicazione ne abbiamo subito colto le potenzialità – conferma oggi l’assessora all’Ambiente Chiara Gallani – Le aree cani sono un punto di riferimento per i tantissimi padovani che amano i quattrozampe. Favorire la migliore interazione possibile tra i cani è utile a evitare episodi che possono diventare spiacevoli. Con Ukidog si può rendere più piacevole un momento della giornata che porta gioia per il cane e per i padroni. E può dare anche un’opportunità di socializzazione in più».

 

uki3
Padova è un test ideale: 39 aree di sgambamento, 25.500 cani registrati all’anagrafe.

Per tutti gli altri utenti – aspettando nuove convenzioni – l’applicazione è utilizzabile su dispositivi Android e iOS, in versione free o premium, ufficialmente da oggi.

Di fatto si mettono insieme funzioni già esistenti, come la geolocalizzazione, la profilazione dei soggetti e il servizio di chat: se stai per recarti in un parco o percorrere una strada, la mappa ti mostrerà la tipologia di cani che potrai incontrare visualizzando il numero e la tipologia di soggetti presenti in tempo reale.

Un sistema intuitivo di icone diversificate indica lo stato dei cani che stanno frequentando l’area identificando maschi adulti, femmine adulte, cuccioli, cucciole, cani al guinzaglio o liberi, cagnoline in calore. Cliccando su una delle icone presenti sulla mappa, l’utente potrà accedere alla scheda completa del cane corrispondente per visualizzarne le caratteristiche e addirittura chattare con il suo proprietario consentendo l’adozione delle più adeguate misure di prevenzione e gestione della situazione o la socializzazione nel caso di cani compatibili. Si può anche inviare un messaggio al proprietario: può essere un avviso, un invito a mettere la museruola, oppure a far giocare fra loro cani simili.” Uno strumento indispensabile per tutti i proprietari che intendono adottare una gestione del cane moderna, basata sulla sicurezza, sul rispetto degli altri e degli spazi comuni”, si legge sul sito.

ukidog2
“Ma la app – precisa Sara, che prosegue anche il suo lavoro di educatrice cinofila – nasce per dare sicurezza e migliorare la gestione degli animali: l’aspetto di socializzazione, se viene, è secondario rispetto a questo obiettivo. Anche le aree dedicate ai cani possono essere problematiche, le regole ci sono ma non sempre vengono rispettate: vogliamo dare un contributo a migliorare la vita per tutti”.

Così la passeggiata con il cane non è più fonte di  stress e inconvenienti e non rischia di degenerare in incidenti tra cani, litigi tra padroni, aggressioni e smarrimenti. Ukidog è la prima applicazione che nasce con l’intento di semplificare la vita dei padroni, aiutando a vivere in serenità il rapporto con il proprio cane, migliorare le interazioni con i suoi simili e riducendo i conflitti quando si condividono gli spazi comuni. Una abilità che negli animali è innata – spiega Sara –  e gli umani possono solo imparare da loro.

Il sito ufficiale è https://www.ukidog.it/ e questa è la pagina Facebook.