Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Una joint venture fra Friuli -Svezia e altre #AziendeConLaValigia

Joint Venture tra Friuli e Svezia: Effedi Automation lancia la sinergia con OpiFlex

Un’isola robotizzata sull’asse italo-svedese, con soluzioni flessibili che la rendono interessante per molte applicazioni industriali. È la novità alla quale sta lavorando Effedi Automation, società di Tavagnacco (Udine) specializzata nella robotica. In questo contesto, l’impresa friulana sta puntando su isole robotizzate flessibili in grado di instaurare vari livelli di collaboratività con l’operatore umano.

«L’idea – commenta Federico Nardone, amministratore delegato di Effedi Automation – è chiara: realizzare un prodotto che possa rivelarsi utile in diverse fasi di un processo produttivo industriale. Il progetto, come lo stiamo concependo, potrebbe coprire diverse esigenze: dall’asservimento di macchine esistenti impiegate nelle lavorazioni meccaniche e nel controllo numerico, a torni e frese, passando per carico e scarico di macchine che fanno assemblaggi di componenti. Un altro utilizzo possibile è legato alla pallettizzazione di fine linea».

Una applicazione adatta alle necessità di imprese di varie dimensioni, dalle Pmi a quelle più grandi: «Andando a riconfigurare velocemente l’isola robotizzata – aggiunge l’amministratore delegato – si potrebbe procedere con l’automatizzazione di piccole soluzioni e lavorare per lotti ridotti, rendendo la soluzione ideale anche per le piccole aziende che, in questo modo, potrebbero rientrare più velocemente dell’investimento».

benedetti-e-nardone

Nell’ambito della specializzazione nella flessibilità si colloca la nuova collaborazione con OpiFlex, società impegnata nella robotica con sede a Västerås, in Svezia, e che si è appena formalizzata. Entro fine estate – questo l’obiettivo di Effedi Automation – il macchinario OpiFlex, integrato in varie applicazioni grazie al know how messo a disposizione dalla azienda di Tavagnacco, sarà immesso sul mercato.

«Il partner scandinavo – prosegue Nardone – è legato al marchio di robot ABB. In futuro si punta a realizzare un supporto tecnologico compatibile anche con altri prodotti, in maniera tale da renderlo più versatile sotto il profilo commerciale. Anche per questo, miriamo a incrementare il nostro reparto di sviluppo interno». Una volta chiuso il cerchio, Effedi Automation diventerebbe anche integratore dei prodotti OpiFlex in Italia, oltre naturalmente a lanciare commercialmente il nuovo prodotto nel nostro Paese.

Effedi Automation conta attualmente su due soci – oltre a Federico Nardone, anche il papà e cofondatore Giacomo – e tre dipendenti, anche se nel corso dell’anno lo staff potrebbe allargarsi. L’obiettivo 2019, sotto il profilo della performance economica, è raggiungere gli 800.000 euro di fatturato. Di recente, nel capitale sociale è entrata beanTech, azienda informatica di Reana del Rojale guidata dal Ceo Fabiano Benedetti, che ha acquisito una partecipazione pari al 20%. Dall’unione delle forze assicurato dai rispettivi know how si aprono nuovi orizzonti, anche a livello di servizi.

Iuav vince il primo premio

al Tongji Construction Festival di Shanghai

Nuovo successo in Cina per l’architettura made in Iuav: il padiglione progettato dagli studenti dell’Università Iuav di Venezia ha vinto il primo premio al Tongji Construction Festival a Shanghai. Shared spaces for a shared future: il titolo del progetto vincitore parla della condivisione di spazi e di futuro e fa riferimento all’obiettivo del Festival, dedicato alla costruzione di architetture progettate per una microcomunità.

Per il terzo anno consecutivo l’Ateneo veneziano era stato invitato, con un gruppo di studenti di Architettura sotto la supervisione di Fernanda De Maio, a partecipare al workshop per la progettazione e la realizzazione di un padiglione al vero, in polipropilene, da portare a termine in 3 giorni, organizzato dalla scuola di architettura College di Architettura e Urban Planning (CAUP) della Tongji University, a Shanghai, tra le più prestigiose università cinesi.
Il progetto veneziano è risultato vincitore su 48 padiglioni realizzati da 13 gruppi di scuole internazionali, 15 gruppi di scuole cinesi e 15 gruppi della Tongji University.

cinaaaa

La giuria, composta dai direttori delle scuole di architettura più note della Cina (a cui partecipavano membri della coreana Pusan university, della giapponese Kyushu University e della sino-inglese Xi’an Jiaotong-Liverpool University), ha premiato all’unanimità l’opera realizzata da Iuav “per il carattere classico ed evocativo del padiglione, il cui tema quest’anno era il patio, realizzato con forme elementari, sfruttando al massimo le qualità del materiale e le sue potenzialità realizzative in tempi molto rapidi”. E il progetto è stato apprezzato, oltre che dalla giuria, anche da numerosi bambini che lo hanno gioiosamente “abitato”, confermandone il carattere praticabile e accogliente.

Da poco tornati dalla Cina, gli studenti Valentina Arnoldi, Pietro Campri, Alessandro Griguol, Martino Montresor, Nicolò Rigon e Ugo Uljaiciic saranno ricevuti nei prossimi giorni dal rettore Alberto Ferlenga, insieme ad Andrea Iorio e Elisa Petriccioli del team del supervisor, per ricevere la targa del premio.

Il Construction  Festival è stato anche un momento di intensi impegni accademici, per i docenti Fernanda De Maio e Angelo Maggi, per definire accordi concreti per realizzare una doppia laurea in Architettura tra lo Iuav e la Tongji University, valida in Europa e in Cina.
La partecipazione al Festival rientra in un quadro  di collaborazione intensa e di lunga data con il CAUP College di Architettura e Urban Planning di Tongji che ha visto la operatività di un centro di ricerca congiunto URBES, con sede a Venezia – Iuav e a Shanghai, e un doppio titolo di Pianificazione, diretti da Margherita Turvani.

Austria & Turchia: le Porte per lo Sviluppo

dei Nuovi Mercati Mondiali

L’Austria e la Turchia si rivelano essere due porte che le imprese possono decidere di attraversare per sviluppare nuovi mercati a livello mondiale: da un lato si aprono le porte verso il cosiddetto mercato DACH (Germania, Austria, Svizzera), cioè nel mercato europeo germanofono caratterizzato dai più alti indicatori economici; dall’altro significa attraversare il ponte naturale tra Europa, Asia e Medio Oriente, offrendo numerosi sbocchi verso i mercati più importanti di queste aeree, che danno un accesso agevolato ad un bacino di circa 1,5 miliardi di persone per un valore di 25 trilioni di dollari di PIL.

Un incontro in programma martedì 25 giugno, realizzato in collaborazione con ABA – Invest in Austria e con Investment Office of The Presidency of the Republic of Turkey, intende essere un Open Day per Imprenditori e Manager che, con un preciso Piano Industriale, vogliono aprirsi ad un mercato mondiale.

</span></figure> Flag of Austria – The Austrian triband is one of the oldest flag in use dating from 1230.
Flag of Austria – The Austrian triband is one of the oldest flag in use dating from 1230.

L’incontro è strutturato in alcune parti fondamentali:
1. La prima volta ad analizzare le modalità di Internazionalizzazione in maniera Integrata da parte di Benchmark di Settore
2. La seconda indica le Opportunità di Internazionalizzazione attraverso il mercato austriaco
3. La terza indica le Opportunità di Internazionalizzazione attraverso il mercato turco
4. La quarta consiste in one-to-one con esperti dell’Austria e della Turchia per capire sinergie ed opportunità
Programma
14.00-14.30: Registrazione Partecipanti
14.30-14.45: Introduzione all’Incontro
Ferdinando Azzariti, Presidente Salone d’Impresa SpA
David Moro, Presidente ODCEC Treviso

14.45-15.45: Internazionalizzare in Modo Integrato
Michele Colombo, Marketing Project Coordinator Cribis SpA
Alessandro Morelli, Responsabile Area Mercato Finest SpA
Paolo Pesce, Responsabile Sportello MISE per l’Impresa Veneto
Damiano Zornetta, Presidente 1 2 Export Srl

15.30-16.00: L’Austria e le Opportunità di Internazionalizzazione
Marion Biber, Direttore Italia Austria Business Agency
Gianni Birello, Direttore di Stabilimento Goppion Caffè SpA
Silvia Goppion, Amministratore Delegato Goppion Caffè SpA

16.00-16.30: La Turchia e le Opportunità di Internazionalizzazione
Gino Costa, Country Advisor Italy Investment Office of The Presidency of the Republic of Turkey
Giorgio Lanzi, CFO e HR Manager Gruppo POLIDORO (Intervista Videoregistrata)

16.30-18.30: Meeting dedicati e BtoB con Esponenti dell’Austria e della Turchia
18.30-19.30: Light Dinner

Conduttori:
Edoardo Antonino, Responsabile Eventi Salone d’Impresa SpA
Mario Zambelli, Partner Salone d’Impresa SpA

Per iscrizioni cliccare qui

A Padova la VII sessione

del comitato Italia Cuba

Dal 2014 Promex è la segreteria del Comitato Italia – Cuba (CICI) le cui sezioni (cubana e italiana) martedì prossimo, 25 giugno, terranno a Padova, a partire dalle 10,30 presso il Centro Conferenze della Camera di Commercio alla Stanga, la loro settima sessione.

cuba-1460633_1280

Le sezioni del Comitato si riuniscono ogni anno per un confronto sulle attività bilaterali in corso e in fase di pianificazione e vedono la partecipazione di rappresentanze istituzionali e imprenditoriali. Nello specifico, l’incontro di martedì si aprirà con i saluti di Franco Conzato, direttore di Promex e di José Carlos Rodríguez Ruiz, Ambasciatore di Cuba In Italia.
Seguiranno quindi gli interventi istituzionali di Orlando Hernandez Guillen, presidente della Camera di Commercio di Cuba; di Mauro De Tommasi, direttore dell’agenzia ICE de L’Avana; di Elisabetta Pola, presidente della Sezione Italiana del Comitato Italia Cuba e presidente di FTC SRL / COMITAL SA; di Juan Gonzalez Escalona, presidente della Sezione Cubana del CICI e presidente di Cubaron.

Sarà invece Isaac Hernandez Perez, direttore del Banco Central de Cuba a presentare lo strumento del Fondo di Controvalore – Cuba/Italia, mentre la presentazione dell’offerta esportabile da Cuba al mercato italiano sarà appannaggio di Lourdes Morell Santos delle relazioni Internazionali della Camera di Commercio di Cuba.
La presentazione dei finanziamenti a progetti di investimento del Ministero del Turismo sarà a cura di Adalberto Venero Lemus, direttore Generale Analisi Economica del Mintur, mentre la presentazione dei progetti del Ministero dell’Industria nel settore Chimica sarà a cura di Isamary Gonzalez Jover, direttrice generale QUIMI S.A. I servizi logistici di trasporto merci saranno
presentati da Pavel Martinez Sanchez, direttore generale di Melfi Marine S.A.

In conclusione dei lavori è prevista la firma del “Piano delle Attività per il periodo 2019 – 2020″.
Da rilevare, infine, che della delegazione cubana in occasione della VII Sessione del Comitato Imprenditoriale Cuba-Italia faranno parte, per parte cubana, anche Ernesto Barrera Alfonso, compratore internazionale per i nuovi Hotel – ITH – MINTUR; Rainer Leyva Medina, vicepresidente de Negocios, Gruppo Turismo Gaviota ed i rappresentanti di Apicuba e del Gag (gruppo agricolo
nazionale).