Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

All’università del gusto ci sono corsi in partenza (90% di occupati entro pochi mesi)

“Le opportunità nel settore sono ottime lavorative, ma bisogna formarsi”. Lo dice il direttore di Confcommercio Vicenza, Ernesto Boschiero, ma non è solo una delle tante segnalazioni di mancato incontro fra domanda e offerta: ci sono anche i corsi, da frequentare, per trovare occupazione.

In particolare sono molto ricercati  cuochi, camerieri e in generale personale per il settore turismo (ad esempio bartender, ma anche pasticceri, pizzaioli e altro ancora.) E’ la fotografia scattata per il Vicentino dall’ultimo rapporto del Progetto Excelsior  Unioncamere del luglio scorso. Scorrendo l’elenco dei “lavoratori previsti in entrata per gruppo professionale”, infatti, la qualifica più richiesta è quella dei “cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici”, per i quali in provincia si richiedono 880 unità, staccando di gran lunga tutte le altre professionalità, ad eccezione degli operai metalmeccanici ed elettromeccanici (per i quali la previsione di entrata è di 800 unità).

banner_open_day_corso_cuoco3_22641_1

Il problema nasce però a guardare un’altra rilevazione della ricerca “Excelsior”, quella cioè della “difficoltà di reperimento” da parte delle aziende, che per i cuochi e le altre professioni del settore viene indicata al 36%. Due le ragioni per le quali le imprese non trovano queste figure, segnala lo studio: da un lato la “mancanza di candidati” (che pesa il 24%), dall’altro la “preparazione inadeguata” (al 10,7%).

“Sono dati che rappresentano bene la realtà, anzi, a mio avviso sono pure un po’ sottostimati rispetto alla situazione reale: questo è un settore che offre ottime opportunità lavorative – è il commento di Ernesto Boschiero, direttore della Confcommercio di Vicenza -. Cuochi, aiuto cuochi, pizzaioli, personale di sala e per i bar, pasticceri, sono tutte figure molto ricercate e difficilmente reperibili secondo gli standard di preparazione oramai richiesti dalle nostre imprese: per questo è essenziale formarsi. Non a caso chi esce dai corsi a qualifica regionale dell’Università del Gusto di Creazzo, la nostra struttura formativa, non ha praticamente problemi a trovare subito un’occupazione. Abbiamo percentuali altissime di occupati tra i nostri allievi, che sfiorano il 90% entro qualche mese dalla chiusura del corso, mentre quasi il 70% ha già una proposta di lavoro ancor prima di sostenere l’esame di qualifica finale”.

corso-cuoco-1
La situazione di carenza di queste figure professionali non riguarda esclusivamente il periodo estivo, solo in parte influenzato dalla stagionalità dei territori turistici, anzi: nel marzo scorso, ad esempio, le figure ricercate erano 760, ma la difficoltà di reperimento era ancor più alta, arrivando al 46%.

“Non passa giorno che qualche operatore non ci segnali il problema – sottolinea il direttore Boschiero – e anche se le scuole alberghiere negli ultimi anni hanno visto crescere i loro alunni, il problema è che non tutti, poi, intraprendono questo percorso professionale e chi lo fa non sempre ha quelle competenze pratiche richieste quando si entra nel ciclo di lavoro di una cucina professionale. Per questo – continua Boschiero – siamo intervenuti con il nostro centro di formazione, proponendo più edizioni di corsi a qualifica regionale riconosciuta dalla Regione del Veneto, che con 300 ore di aula e laboratori e 300 di stage in azienda consentono sia di garantire una full immersion pratica a chi già è formato nella teoria, sia di acquisire tutte le competenze necessarie a chi si affaccia per la prima volta in questo mondo, e non sono pochi. Il valore aggiunto di questa formazione deriva proprio dal nostro dialogo costante con le imprese del settore associate: facciamo sintesi delle esigenze e adeguiamo i percorsi in base all’evoluzione delle richieste e degli stili di vita dei consumatori”.

corso-cuoco-2
Non a caso le proposte dell’Università del Gusto riscuotono grande interesse: il corso a qualifica di pasticcere, con il maestro Denis Dianin, che inizia il 16 settembre, è già quasi tutto esaurito. Ancora alcuni posti per il corso Cuoco che inizia il 30 settembre (e per il quale è previsto un open day gratuito il 4 settembre). Molto interesse lo sta riscuotendo anche il corso a qualifica per diventare Bartender, che inizierà il 7 ottobre “e che mira a formare una figura che ha notevoli prospettive di crescita in futuro, visto che si stanno diffondendo locali sempre più attenti all’offerta di cocktail, anche home made, e di caffetteria di altissima qualità”, afferma il direttore Boschiero.

Per chi sta cercando nuove opportunità nella propria vita lavorativa, dunque – segnala Confcommercio – puntare sul settore dei ristoranti, bar e pasticcerie è la scelta giusta e la porta di accesso può essere l’offerta formativa di Confcommercio Vicenza e della sua Università del Gusto (www.universitadelgustovicenza.it).

I corsi in partenza

Per chi vuole  diventare un cuoco ed entrare fin da subito in contatto con il mondo del lavoro può essere utile partecipare all’Open Day del Corso Cuoco con Qualifica Professionale dell’Università del Gusto: si possono scoprire le opportunità di un percorso formativo che ti assicura una formazione di altissimo livello e lo stage placement assicurato.

open_day_22601_1Il corso Cuoco dell’Università del Gusto (che si terrà dal 30 settembre al 21 novembre 2019) prevede il rilascio della Qualifica della Regione del Veneto, riconosciuta a livello Europeo ed ha una durata di 300 ore di lezione in laboratorio seguite da 300 ore di stage in azienda.

E’ possibile inoltre assistere ad una lezione di presentazione, tenuta dagli chef Alberto Basso e Alessio Bottin, visitare la scuola e i laboratori e testare così la qualità della didattica.

4 settembre ore 17.00
Centro Formazione Esac – Via Piazzon 40, Creazzo.

 

L’86% degli allievi trova lavoro entro 6 mesi dall’ottenimento dell’attestato: sono i numeri del corso che si tiene dal 16 settembre al 7 novembre, due mesi di formazione per diventare pasticcere qualificato con attestato rilasciato dalla Regione del Veneto e riconosciuto a livello europeo. Qui tutte le info e le schede da compilare.

landing-scelta-pasticceria_22574

Il corso è a numero chiuso per un massimo di 22 partecipanti.

C’è anche per il corso per chi vuole imparare a realizzare i migliori prodotti di caffetteria e di milk design, scegliere e proporre vini e birre d’eccellenza, diventare esperto nelle principali tecniche di mixology per creare i più famosi cocktail, centrifughe, long drink, smoothie e conoscere i coreografici movimenti freestyle, preparare stuzzichini e light lunch. Il Corso BARTENDER con Qualifica Professionale sicompone di 300 ore di aula e laboratori formativi e 300 ore di stage per diventare un  professionista, ottenendo un attestato rilasciato dalla Regione del Veneto e riconosciuto a livello Europeo, e l’abilitazione obbligatoria alla somministrazione e vendita di alimenti. Tutte le info qui.

barman_scheda2_22826_1