Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Rifugio Nuvolau, il Cai di Cortina cerca un gestore a quota 2.575

Solo ieri vi abbiamo fatto conoscere il bando per  individuare un soggetto a cui affidare il “Casone delle Sacche” Codevigo, nel cuore della Valle Millecampi, provincia di Padova.

Oggi una nuova opportinità. Sulla sezione di Cortina d’Ampezzo del CLUB ALPINO ITALIANO si trova il bando per affidare in gestione a terzi, con la formula dell’Affitto d’Azienda, il Rifugio “NUVOLAU” situato sul Monte omonimo a quota 2.575 sul livello del mare.

Gli interessati dovranno far pervenire domanda in carta semplice via posta, via e-mail all’indirizzo: segreteria@caicortina.org, o PEC all’indirizzo: cortinadampezzo@pec.cai.it al Consiglio Direttivo Sezione entro e non oltre 15 febbraio 2021, indicando oltre ai propri dati personali, di possedere i requisiti morali e di legge per la gestione di un Rifugio Alpino e di aver preso conoscenza di quanto indicato all’art.1 del Tit.2 (Definizione di Rifugio CAI) del vigente Regolamento per le Strutture ricettive del CAI.

rifugio-nuvolau

I Candidati dovranno, altresì, allegare un curriculum nel quale evidenzieranno il possesso di eventuali titoli preferenziali, di cui all’art.3 – parte I – dello stesso Regolamento e provvederanno a segnalare eventuali titoli che a loro giudizio possono costituire motivo di preferenza.
Si fa presente che non verranno prese in considerazione domande pervenute antecedetemente alla data del presente bando.
Sono ammesse solo domande di persone fisiche.

Fra i dati richiesti ci sono le esperienze maturate in altri rifugi, ma anche in alberghi e ristoranti; la conoscenza di lingue straniere; la conoscenza di flora e fauna, geologia e meteorologia.

La scelta del candidato avverrà a insindacabile giudizio del Consiglio Direttivo della Sezione di Cortina d’Ampezzo.

La stipula e decorrenza del contratto avverrà solo dopo il conseguimento del Certificato di Agibilità, da parte della Sezione proprietaria, a seguito della prevista messa norma del Rifugio stesso nella primavera 2021.

Art.3 (Il Gestore) – Nella scelta del Gestore, e nell’affidamento della custodia del rifugio, la sezione tiene conto della sua conoscenza dei luoghi, della condivisione dei valori propri del CAI, della capacità tecnica di adempiere al suo compito e di assumersi la responsabilità di titolare del presidio del territorio alpino che il rifugio rappresenta.