Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Bando Covid, la macchina trentina che sanifica le cabinovie (e non solo)

Si chiama “Pure as snow la prima macchina compatta “made in Trentino” per la sanificazione delle cabinovie: in meno di due secondi disinfetta aria e superfici sfruttando il “giro morto” tra l’arrivo della cabina in stazione e la ripartenza della stessa.

La possibile riapertura degli impianti di risalita in sicurezza comincia anche da Rovereto, dove Elettromeccanica Adige – impresa impegnata da oltre trent’anni nella costruzione e manutenzione di macchine rotanti e motori brushless (senza spazzole) – ha assemblato una macchina per la sanificazione delle cabinovie.

pinzolo_macchina_sanifica_cabine2

L’apparecchio “Pure as snow” è stato costruito grazie anche ai finanziamenti derivanti dal cosiddetto “bando Covid”, promosso da Trentino Sviluppo e dalla provincia per incentivare le imprese trentine a lavorare su soluzioni innovative per favorire la ripresa della vita quotidiana in sicurezza durante e dopo la pandemia.

«L’idea – spiega Sergio Andreolli, titolare di Elettromeccanica Adige – ci è venuta durante le manutenzioni estive agli impianti di risalita che facciamo ogni anno. Parlando con i capiservizio abbiamo infatti scoperto che la pulizia delle cabine, magari anche 100 o 150 su un unico impianto di risalita, di solito viene effettuata in maniera manuale, da un addetto munito di spruzzino».

Un’operazione laboriosa, da ripetere mattino e sera. Di qui il contatto con Dario Trentini di Electronic Service, altra azienda trentina, di Riva del Garda, già partner di Elettromeccanica Adige, per costruire insieme un macchinario che, grazie a particolari sensori, “leggesse” l’arrivo della cabina in stazione e, approfittando del “giro morto” tra l’arrivo della cabina in stazione e la ripartenza della stessa, disinfettasse in maniera automatica e quindi più veloce e sicura l’aria e le superfici.

Il progetto è stato poi sottoposto ai docenti dell’Università di Trento Giandomenico Nollo e Francesco Tessarolo, esperti rispettivamente di ingegneria industriale e nuovi materiali. Ciò per individuare un prodotto sanificante, nebulizzato, capace di resistere alle basse temperature. Trovato il disinfettante giusto, con un’efficacia garantita fino a meno dieci gradi centigradi, “Pure as snow” è stata testata su diversi caroselli – come il Carosello 3000 Livigno e le funivie del Cermis – e messa al lavoro sulla funivia di Pinzolo che, pur essendo chiusa al pubblico sulla base della normativa anti-Covid, ospita in questi giorni gli allenamenti degli atleti degli sci-club.

pinzolo_macchina_sanifica_cabine1

Positivo anche il riscontro dell’associazione nazionale degli impianti a fune (ANEF), che in una lettera a firma della sua presidente Valeria Ghezzi scrive: «Come associazione di categoria sempre vicina e attenta all’innovazione tecnologica, ANEF desidera manifestare il suo interesse nel voler sostenere questo macchinario, che potrebbe diventare uno strumento utile a garantire la sicurezza dei lavoratori e turisti che utilizzano gli impianti di risalita, e, grazie all’eventuale utilizzo di un prodotto altamente innovativo, permetterà di disinfettare senza tossicità gli ambienti delle cabine e delle funivie».

E in attesa di sapere quando e come gli impianti verranno riaperti, Andreolli sta già pensando ai possibili impieghi futuri di “Pure as snow”, in diversi luoghi che richiedano sanificazioni periodiche puntuali e accurate: ad esempio autobus, celle frigo, veicoli per il trasporto degli alimenti e mercati ortofrutticoli.