Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Un passo avanti per la ciclovia del Garda – su tre regioni – nel Veronese

E’ stato sottoscritto oggi, 27 dicembre, a Peschiera del Garda, alla presenza della vicepresidente della Regione e assessore alle Infrastrutture e Trasporti Elisa De Berti, l’Accordo di Programma tra la Regione Veneto, il Comune di Torri del Benaco (VR), la Società Veneto Strade S.p.A. e la Società Azienda Gardesana Servizi finalizzato alla progettazione definitiva ed esecutiva del tratto della Ciclovia del Garda in Comune di Torri del Benaco (VR).

L’opera nel suo complesso consiste in un anello ciclo-pedonale attraverso Veneto, Trentino Alto Adige e Lombardia, le tre Regioni bagnate dal Lago di Garda, per un totale di 140 km. Nella provincia di Verona il percorso sarà lungo circa 69 chilometri, attraverserà i territori di Peschiera del Garda, Castelnuovo del Garda, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Brenzone, Malcesine, e andrà a interconnettersi anche con il tracciato della futura Ciclovia del Sole. Nel 2018 era stato inaugurato il primo tratto, spettacolare, fra acqua e cielo, poi ci si è messa anche l’epidemia.

ciclovia-torri-benaco-3

“La firma odierna arriva al termine di un lavoro di concertazione fra Istituzioni, ma anche fra rispettivi uffici tecnici – ha affermato la vicepresidente De Berti (in foto) – La Ciclovia del Garda è un’opera che percorre l’intero perimetro del lago su itinerari panoramici e strade poco trafficate e fa parte del Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche promosso dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. E’ stata pensata non solo come opera infrastrutturale, ma come progetto di territorio e paesaggio, con un risvolto sociale: avrà valenza nazionale ed internazionale e sarà utile anche per la mobilità sostenibile tra i centri abitati di Peschiera del Garda – Castelnuovo del Garda – Lazise – Bardolino – Garda – Torri del Benaco – Brenzone sul Garda e Malcesine, a loro volta connessi con gli altri comuni della riviera gardesana della Lombardia e Trentino, favorendo lo sviluppo di un turismo pulito, slow, verde e di qualità”.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, nell’ambito degli obiettivi di “Rivoluzione verde e transizione ecologica”, prevede di assegnare 400 milioni di euro per la rete nazionale delle ciclovie. Nello specifico, il decreto di riparto di tali risorse riserva circa 30 milioni di euro alla “ciclovia del Garda” da suddividere tra Provincia Autonoma di Trento e le Regioni Lombardia e Veneto.

“L’amministrazione di Torri del Benaco cofinanzierà con 700.000 euro la progettazione definitiva ed esecutiva dei due lotti funzionali che costituiscono l’opera all’interno dell’area comunale: all’amministrazione va il mio ringraziamento, per un intervento che permetterà di rispettare le scadenze stabilite dal PNRR”, ha concluso la vicepresidente De Berti.

ciclovia-torri-benaco-2

Secondo l’accordo di programma, la Regione gestirà i rapporti amministrativi, finanziari e di monitoraggio dell’intervento e il Comune di Torri del Benaco trasferirà a Veneto Strade le risorse per eseguire la progettazione ed approvazione sotto il profilo tecnico dei due lotti funzionali ciclopedonali. L’Azienda Gardesana Servizi, invece, collaborerà e supporterà Veneto Strade nella definizione degli interventi infrastrutturali, al fine di renderli compatibili con le opere in programma del nuovo collettore fognario.

Nella foto, da sinistra: Angelo Cresco, Presidente AGS; Dott.ssa Adriana Bergamo, Direttore Operativo Veneto Strade; Stefano Nicotra, Sindaco di Torri del Benaco