Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il lavoro nero della cameriera al bar costa 7mila euro (per cinque giorni)

Lavoro “nero”, cioè quel fenomeno in cui l’attività viene retribuita, ma non dichiarata alle autorità pubbliche.
A Trieste l’attenzione della Guardia di Finanzia si è concentrata sulla posizione contrattuale di alcuni camerieri di un bar del centro. «Avviati i dovuti riscontri, il titolare dell’attività dichiarava che il rapporto instaurato con la lavoratrice presente al momento dell’accesso era di tipo accessorio, remunerato mediante il rilascio di appositi “voucher” – si legge nel comunicato rilasciato venerdì a ispezione conclusa – Questi ultimi, sono stati introdotti nel 2012 con la riforma del mercato del lavoro e costituiscono un sistema di pagamento che può essere utilizzato per forme di lavoro, occasionale e discontinuo, non regolamentate da uno specifico contratto. Purtroppo capita non di rado di verificare che i “voucher” vengono utilizzati nel mondo del lavoro in modo improprio, ovvero come espediente per evitare di regolarizzare i propri dipendenti».

fina3
In questo caso, grazie anche ai successivi riscontri, è risultato che l’instaurazione del rapporto di lavoro di tipo “accessorio” non era stata preventivamente comunicata. E in assenza della comunicazione preventiva di instaurazione del rapporto di impiego, vista la tipologia di inquadramento all’interno dell’azienda, la lavoratrice è risultata “completamente in nero”.
«L’incauto datore di lavoro, oltre alla sanzione per l’omessa consegna della lettera d’assunzione, si è visto comminare dai militari del Gruppo della Guardia di Finanza la cosiddetta “maxisanzione per lavoro nero” riferita a cinque giornate di effettivo impiego, per complessive € 4.475,00. Inoltre, avendo rilevato l’impiego di personale “non risultante dalla documentazione obbligatoria in misura pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti sul posto di lavoro”, i Finanzieri hanno proceduto a segnalare la circostanza alla competente Direzione Territoriale del Lavoro per i provvedimenti conseguenti (ulteriore sanzione di € 1.950,00 nonché sospensione dell’attività d’impresa)».
In realtà la sospensione dell’attività è stata revocata «in quanto il datore di lavoro, ammettendo sostanzialmente le proprie responsabilità, procedeva al pagamento immediato delle sanzioni ed alla regolarizzazione della posizione lavorativa della dipendente “in nero”. A dimostrazione che il lavoro “irregolare” non conviene, si evidenzia che l’impiego “in nero” per 5 giorni di una barista, è costato all’impresa quasi 7mila euro di sanzioni».
Dal 1° gennaio 2014 sono stati 34 i lavoratori irregolari/in nero scoperti nella Provincia di Trieste che hanno portato alla verbalizzazione di sanzioni nei confronti di sette datori di lavoro.