Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Anna Maria Saieva nuova direttrice sanitaria dello Iov (tre bollini rosa per la salute delle donne)

Nel giorno della Festa della Donna è stata ufficializzata la nomina della nuova direttrice sanitaria dell’Istituto Oncologico Veneto IRCCS. Si tratta della dottoressa Anna Maria Saieva, attualmente incaricata direttore dell’Unità operativa complessa di Direzione medica dell’Azienda ospedale università di Padova. L’incarico di direttore sanitario dello IOV è stato affidato con delibera del Direttore Generale pubblicata questa mattina, 8 marzo 2021. La dottoressa Saieva prenderà servizio nella Direzione Strategica dello IOV a partire dal primo aprile, per garantire un adeguato passaggio di consegne nell’Azienda di provenienza.

Si completa così la squadra che affiancherà il direttore generale, Patrizia Benini, nella gestione dello IOV per i prossimi cinque anni. Come già comunicato infatti è stato riconfermato il direttore amministrativo, il dottor Francesco Favretti, con l’obiettivo di garantire continuità, in particolare sul piano gestionale e degli investimenti.

annamariasaieva

«Solo con il lavoro di squadra si raggiungono grandi risultati – dichiara il direttore generale, Patrizia Benini – e la dottoressa Saieva e il dottor Favretti, chiamati a farvi parte, entrambi professionisti di alto valore, assicureranno un importante impulso. Una squadra che, portando con sé l’esperienza maturata anche in altre Aziende, sarà in grado di affrontare le difficili sfide del futuro dove lo sviluppo gestionale, tecnologico, assistenziale e della ricerca sono i punti cui riferirsi, con la necessità contingente di confrontarsi anche con la situazione pandemica». Al fine di assicurare l’espletamento dei compiti ordinari specifici, è stato assegnato l’incarico di Direttore Sanitario protempore, fino al 31 marzo, al dottor Pierluigi Pilati, direttore del Dipartimento chirurgico dello IOV,  direttore dell’Unità Operativa Complessa di chirurgia oncologica delle vie digestive.

«Essendo oggi la Festa della Donna desidero inviare un saluto particolare a tutto il personale femminile del nostro Istituto. Ricordo comunque che è importante pensare al benessere e alla salute delle donne 365 giorni l’anno – afferma il dg Benini -. Nel 2019 è stato confermato allo IOV il riconoscimento dei Tre Bollini Rosa da parte dell’Osservatorio Nazionale sulla salute della donna (O.N.Da) e ci impegneremo per mantenere questo significativo riconoscimento». Si tratta del massimo riconoscimento agli ospedali attenti alla salute femminile che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle patologie femminili. I bollini rosa sono assegnati sulla base della presenza di specialità cliniche per patologie tipicamente femminili o trasversali ai due sessi; percorsi diagnostico-terapeutici e servizi clinico-assistenziali focalizzati sulle caratteristiche psico-fisiche della paziente e l’esistenza di servizi relativi dedicati all’accoglienza e degenza della donna.

Laureata in Medicina e Chirurgia all’Università di Padova, con specializzazione in Igiene e medicina preventiva, la dottoressa Saieva ha sviluppato la sua carriera presso la Direzione Medica dell’Azienda Ospedale Università di Padova, dove attualmente ricopre l’incarico di Direttore di Direzione Medica. Dal 2008 ad oggi è Risk manager dell’Azienda ospedaliera di Padova, figura trasversale che si occupa della gestione del rischio clinico e della sicurezza del paziente. Vanta un’ampia formazione nell’ambito dirigenziale in sanità avendo frequentato il Corso interregionale di formazione manageriale per le direzioni generali, i master “Management delle Aziende Sanitarie” e “Organizzazione e gestione in sanità” presso la scuola di Direzione Aziendale dell’Università Luigi Bocconi di Milano. Ha sviluppato significativa esperienza quale docente esterno a contratto presso l’Università di Padova: alla scuola di specializzazione in Farmacia Ospedaliera, al master Patient Safety nella pratica clinica e al master in Gestione delle lesioni cutanee e delle ferite difficili.