Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Un concerto che sa di rinascita, per il Capodanno alla Fenice (e in Tv)

Nel 2004, otto anni dopo l’incendio che la sera del 29 gennaio del 1996 aveva distrutto il Teatro La Fenice, si stabilì che il giorno di Capodanno, alla Fenice di Venezia, sarebbe andato in scena un concerto come rappresentazione simbolica di una rinascita. Un concerto che, negli anni è diventato una tradizione tutta veneziana. L’idea venne ad Anna Elena Averardi, consulente per la cura dell’immagine del teatro veneziano, e fu subito accolta dall’allora direttore di Rai 1, Fabrizio Del Noce.

luisi

Dal, 2004 ogni primo dell’anno, il Concerto di Capodanno e l’orchestra e il coro de La Fenice entrano nei salotti di milioni di telespettatori. La scelta di Venezia di avere un Concerto di Capodanno poteva essere una sfida rischiosa: il Capodanno musicale è infatti legato all’evento che va in scena a Vienna. Un appuntamento, quest’ultimo, che risale al 1939, quando Clemens Krauss, direttore della Filarmonica della capitale austriaca, dedicò il primo concerto all’opera di Johann Strauss figlio, nella sala dorata del Musikverein. Da allora, forte del fascino del valzer e di composizioni memorabili, da “Sul bel Danubio blu” alla “Marcia di Radetzky”, quel concerto ha fatto dimenticare le atmosfere della guerra e dell’occupazione nazista dell’Austria e si è via via imposto all’attenzione mondiale.

Ma la volontà di Venezia era legata ad una voglia di rinascita del Teatro, di ripartenza dalle ceneri dell’incendio di quella Fenice che, da secoli, volava alto nel panorama musicale mondiale ospitando “star” della musica lirica e del melodramma, da Bellini a Donizetti, e poi Rossini, Verdi, Puccini e Mascagni, oltre a orchestrali ricercati da tutto il mondo, messi insieme da direttori d’orchestra orgogliosi di essere alla Fenice.

Secoli di storia che, nel 1996, in una sera d’inverno, stavano per essere cancellati dalle fiamme di un incendio doloso propagatosi dall’ultimo piano del Teatro. Un incendio che, dopo soli 8 anni, era già stato dimenticato grazie al lavoro di una città che voleva riavere, dov’era e com’era, il suo Teatro. E il concerto di Capodanno arriva come celebrazione ultima di questa rinascita.

Tra le curiosità, il Concerto del 2011 è stato dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia (per l’occasione venne suonato “Il canto degli italiani”), mentre quello del 2013 è stato dedicato interamente alle musiche di Giuseppe Verdi per festeggiare il bicentenario dalla nascita. Quello dell’1 gennaio 2022,  che arriva nel pieno delle manifestazioni dei 1600 anni della città di Venezia, ha come protagonista il direttore d’orchestra Fabio Luisi che, come da tradizione, propone un programma musicale in due parti. Una prima esclusivamente orchestrale e una seconda parte dedicata al melodramma, con una carrellata di arie, duetti e passi corali interpretati da solisti di assoluto prestigio e dal Coro del Teatro La Fenice.

Ogni anno il Concerto si chiude con due pagine celeberrime di Giuseppe Verdi, capisaldi del patrimonio musicale italiano: il Coro “Va’ pensiero sull’ali dorate” dal “Nabucco” e il più celebre brindisi della storia dell’opera “Libiam ne’ lieti calici”,  intonato da Alfredo durante la festa in casa di Violetta, all’inizio della Traviata.

Hashtag ufficiale  #CapodannoFenice

Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
Direttore Fabio Luisi
Maestro del Coro Alfonso Caiani

soprano Pretty Yende
tenore Brian Jagde

IN TELEVISIVE E RADIO
sabato 1 gennaio ore 12.20 DIRETTA su RAI 1

sabato 1 gennaio ore 18:15 REPLICA su RAI 5
sabato 1 gennaio ore 20:00 REPLICA su RAI Radio 3

A Padova

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento con il Concerto di Capodanno organizzato e prodotto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, un appuntamento speciale al Teatro Verdi di Padova sabato 1 gennaio, alle ore 17, pronto ad accendere grandi emozioni sulle note di musiche straordinarie. Protagonisti del concerto, impegnati a regalare momenti unici, l’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Giampaolo Bisanti con i solisti Sara Blanch, soprano, Emanuela Pascu, mezzosoprano e Ruzil Gatin, tenore.

Dopo l’ultima direzione a Padova nel 2017 per Lucia di Lammermoor, Giampaolo Bisanti torna sul podio del Teatro Verdi di Padova sabato 1 gennaio, alle ore 17.00, per un’occasione tutta speciale: dirigere il Concerto di Capodanno per la Stagione Lirica di Padova 2021, organizzata e prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova. In scena saranno l’Orchestra di Padova e del Veneto e i solisti Sara Blanch, soprano, Emanuela Pascu, mezzosoprano, e Ruzil Gatin, tenore. Uno speciale concerto evento che alla magica atmosfera delle feste natalizie combina l’emozione di musiche senza tempo dirette dalla sapiente bacchetta di Giampaolo Bisanti, tra i migliori direttori d’orchestra della sua generazione, capace di muoversi in un repertorio molto ampio che abbraccia tutta la musica operistica e i grandi capolavori di quella sinfonica, con gesto fluido e chiarissimo e tecnica che ricorda la più prestigiosa e alta scuola italiana.

«Sono molto felice di tornare a Padova – dichiara Giampaolo Bisanti – e di essere riuscito a ritagliare questo spazio nel mio calendario di impegni. Al Teatro Verdi e al suo pubblico sono legato da moltissimi anni e sarà un grande piacere poter salutare il Nuovo Anno insieme, con la speranza che la sofferenza e le difficoltà degli ultimi mesi vadano pian piano dissolvendosi e che il 2022 sia un anno di rinascita per tutti»

Il concerto vede i musicisti, artisti di grande fama con importanti carriere concertistiche in Italia e all’estero, impegnati in un brioso programma che riunisce pagine celeberrime, con brani pronti a risvegliare ricordi e ad accendere emozioni fin dalle prime note: dall’Ouverture de La Gazza Ladra di Rossini all’Habanera dalla Carmen di Bizet, da Barcarolle de Les Contes d’Hoffman di Offenbach fino agli immancabili Valzer di Strauss. Una scaletta che mette in risalto il virtuosismo e l’affiatamento dei solisti e della compagine strumentale, offrendo allo spettatore un viaggio da vivere con la voglia di lasciarsi avvolgere dal fluire sorprendente dei brani, spunti infiniti di emozione e di evocazione nelle vie della musica.

La Stagione Lirica 2021 è organizzata e prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova.

 Biglietti disponibili da € 25 a € 40.