Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Liberarsi dalla droga e tornare a sorridere: l’azienda dei denti in resina prende per mano San Patrignano

Uscire dalla droga è un po’ tornare alla vita; e se si può tornare anche a sorridere, allora l’impresa è compiuta. Un’impresa che vede in prima linea la comunità di San Patrignano e Dental Manufacturing, azienda con sede a Badia Polesine, Rovigo, che produce da oltre 50 anni il marchio Ruthinium, leader nella produzione di denti artificiali in resina e materiali per il laboratorio odontotecnico.
denti1
Da diversi anni l’azienda familiare ha sviluppato un piano di promozione sociale per portare avanti, nel territorio italiano, i valori del brand in modo molto concreto. Ruthinium investe nella formazione dei giovani – molti fra i neo assunti sono ventenni – e, nel proprio comune, ha avviato una collaborazione con i servizi sociali per fornire protesi gratuite ai concittadini in condizioni di bisogno: spesso non si tratta strettamente di anziani, ma di persone che hanno subito danni in seguito a terapie mediche invasive e altri problemi.
denti2
“Fino ad oggi, cioè in tre anni, dall’avvio, abbiamo eseguito in 3 anni all’incirca una ottantina di lavori: all’iniziativa hanno aderito anche alcuni dentisti, che hanno preso impronte e svolto servizi rinunciando al loro compenso –  spiega Barbara Piazza, direttore dell’azienda fondata dal padre e direttore vendite export – Lo stesso progetto lo abbiamo attivato con alcune scuole di odontotecnica e centri Caritas in Sardegna, Sicilia, Marche, Emilia Romagna: praticamente noi forniamo alle scuole il materiale gratuito e gli studenti eseguono i lavori su pazienti segnalati dall’associazione“.
denti3
Tra le altre attività locali come la protesi sociale e il sostegno ad associazioni umanitarie, spicca la partnership da oltre 5 anni con SanPatrignano
: Ruthinium è Dental Partner del Centro Medico della Comunità. “Un sodalizio molto sentito che nel 2019 si concretizza in un importante progetto d’innovazione. Questo è per Ruthinium l’anno della rivoluzione digitale: oggi Ruthinium Digital è un universo composto da prodotti software, hardware e librerie sviluppati per portare il laboratorio odontotecnico nell’era digitale in modo semplice, diretto e con una curva di apprendimento brevissima. Un sistema integrato e completo che non solo rende più facile l’interazione tra dentista, odontotecnico e paziente, ma valorizza la professionalità dell’odontotecnico e la sua rilevanza contemporanea”.

Con il centro di recupero fondato da Vincenzo Muccioli l’azienda segue attività di formazione agli studenti di odontotecnica ospiti della comunità, “e li aiutiamo – spiega Barbara Piazza – attraverso i nostri esperti e i nostri materiali, che chiaramente forniamo in maniera gratuita, a eseguire lavori a pazienti della stessa comunità”.

SanPatrignano è con il suo Centro Medico la camera d’incubazione per il primo progetto digitale completo targato Ruthinium, che verrà presentato a IDS Colonia 2019, l’esibizione internazionale del Dentale più grande al mondo dal 12 al 16 marzo.

denti
La storia simbolo prescelta è quella di Romano, ospite della comunità che a breve terminerà il suo percorso di recupero: “Una storia del nostro territorio che rappresenta il Veneto nel mondo: Romano é un gondoliere che ha ripreso in mano la sua vita sottraendola al giogo della dipendenza e che presto ritornerà alla sua attività. Nella sua rinascita, tornerà a sorridere ai tantissimi turisti che incontra ogni giorno: un atto semplice ma fondamentale, a cui Ruthinium è felice di contribuire con un sorriso nuovo di zecca”. Progetti come Ruthinium Digital sono importanti per la Comunità, che non sostiene i suoi 1.500 ospiti con donazioni statali o da parte delle famiglie, ma che si autofinanzia con il proprio lavoro nei vari reparti e con partnership con aziende che scelgono di investire in questo luogo di rinascita.

Oggi l’azienda polesana ha 65 dipendenti nello stabilimento di Badia Polesine di cui una 15 assunti negli ultimi due anni. Di questi 15, 8 hanno meno di 25 anni. Alcuni di loro sono entrati in azienda dopo essersi fatti conoscere grazie al trofeo organizzato con le scuole per mettere in luce i talenti migliori. Quest’anno è una Gara di realizzazione di protesi mobile totale riservata agli studenti del quarto e del quinto anno degli IPSIA indirizzo Odontotecnico. Due dei ragazzi che negli anni scorsi hanno partecipato ora lavorano in azienda dopo essersi trasferiti a Badia Polesine rispettivamente dalla Puglia e dalla Campania.